Omicidio Giulia Tramontano, Impagnatiello e madre si informarono su telecamere

SULLO STESSO ARGOMENTO

Insieme alla madre Sabrina Paulis, Alessandro Impagnatiello, lunedi’ 29 maggio, e’ andato in un bar a poche metri di distanza dal luogo in via Monte Rosa a Senago in cui nella notte tra il 31 maggio e il primo giugno, e’ stato trovato il corpo di Giulia Tramontano.

I due hanno chiesto al titolare informazioni sulla presenza di telecamere all’esterno del locale. Per gli inquirenti dietro la richiesta potrebbe esserci stato l’interesse a capire se la zona fosse un posto buono per disfarsi del cadavere.

Da quanto si è saputo, lo avrebbe confermato lo stesso gestore del locale sentito nelle indagini della Procura di Milano e dei carabinieri.  Nell’appartamento in cui è stato commesso l’omicidio di Giulia Tramontano a Senago, nel Milanese, è stata rinvenuta una pellicola trasparente compatibile con quella utilizzata per avvolgere il cadavere.

    I rilievi effettuati dai carabinieri della sezione investigazioni scientifiche nell’abitazione di via Novella, sono stati effettuati anche al box e alla cantina in cui Alessandro Impagnatiello che avrebbe pianificato l’omicidio della fidanzata incinta di 7 mesi Giulia Tramontano almeno qualche giorno prima di sabato 27 maggio, quando l’ha uccisa a coltellate.

    A dimostrarlo, secondo gli inquirenti, altre ricerche sul web da parte del 30enne, oltre a quelle già emerse e più vicine all’orario del delitto, come “ceramica bruciata vasca da bagno” digitata pochi minuti prima che la 29enne rientrasse in casa.

    Tra i tanti sequestri anche quello di alcune bottiglie, tra cui il possibile contenitore della benzina con cui Impagnatiello avrebbe tentato nuovamente di bruciare il corpo. Saranno le analisi entomologiche, poi, a poter fare chiarezza sul momento esatto della morte di Giulia e su quando il cadavere è stato collocato all’esterno.

    Il sopralluogo e le attività tecniche puntano anche ad accertare se sia stato aiutato a far sparire il cadavere e a ripulire l’abitazione. Ci sono dubbi che possa aver fatto tutto da solo in queste fasi e si sta guardando in ambienti familiari.

    Inoltre, ci sarebbero del buchi nella tempistica, orari che non tornano, e soprattutto si pensa che Giulia sia stata buttata tra le sterpaglie non all’alba del 31 maggio, ma uno o due giorni prima. Là in quel punto, al posto del “santuario” fatto da una distesa di fiori, lettere e peluche, ha trovato posto una gigantografia di Giulia.

    In futuro ci sarà anche un murale con il suo ritratto. In contemporanea oggi i carabinieri, con il supporto dei vigili del fuoco, nel piazzale nei pressi della fermata della metropolitana Comasina hanno setacciato i tombini: in uno, come ha ammesso Impagnatiello, il giorno dopo il delitto, alle 7 di mattina e prima di prendere la metro per andare al lavoro, ha gettato il cellulare della compagna, le carte di credito e debito.

    Il passaporto lo ha “bruciato la sera in cui ho ucciso Giulia”. Per ora del telefono, però, nessuna traccia e questo fa dubitare di nuovo gli inquirenti sulle parole dell’uomo. Mentre sono stati trovati il bancomat, due carte di credito e la patente.

    LEGGI ANCHE

    Napoli, muore a 21 anni dopo intervento per aumentare il seno

    Nella zona di San Pietro a Patierno a Napoli, si è consumata una tragedia che ha lasciato tutti sconvolti. La giovane Alessia Neboso ha perso...

    L’attrice Ida Di Benedetto dopo il furto in casa: “Venivo qui per vedere il mare, andrò via da Napoli”

    "Qualcuno ha fatto irruzione nella mia camera da letto alle sei del mattino, ci ha chiusi all'interno. Mi sono resa conto della situazione e...

    Napoli, 21enne morta dopo intervento al seno, Asl chiude clinica

    L'Asl Napoli 1 Centro ha disposto la sospensione dell'attività della clinica privata, Smeraglia Clinic di via Benedetto Brin a Gianturco, nella quale è stata...

    IN PRIMO PIANO