Violenze in carcere, agente sotto processo: ma è un errore

SULLO STESSO ARGOMENTO

È finito sotto processo – ed è tuttora sospeso dal servizio – perché riconosciuto in video da tre detenuti, che però si erano sbagliati.

È quanto emerso a carico del poliziotto penitenziario Maurizio Colurciello, imputato nel processo sulle violenze ai detenuti avvenute il 6 aprile 2020 nel carcere di Santa Maria Capua Vetere.

Colurciello non fu arrestato come è accaduto ad altri suoi colleghi, ma colpito da misura giudiziaria interdittiva, ed è tuttora sospeso in via amministrativa dal servizio e con uno stipendio ridotto. È l’avvocato di Colurciello, Luca Tornatora, a far emergere l’errore di identificazione fatto in sede di indagini preliminari.

    “Non era lui” ammette dal banco dei testimoni, sollecitato dalle domande di Tornatora, il brigadiere dei carabinieri Vincenzo Medici, l’investigatore che ha curato la delicata fase dei riconoscimenti degli agenti da parte dei detenuti vittime dei pestaggi, la cui audizione è in corso da sei udienze.

    Tornatora fa poi notare che “invece sulla scheda identificativa redatta dai carabinieri e usata dall’autorità giudiziaria per emettere e confermare le misure restrittive a carico di Colurciello, è rimasto solo l’atto di accusa dei tre detenuti, e non è stato scritto che si erano sbagliati, come era emerso poco dopo”.

    Il legale esamina poi Medici anche sulla posizione del Commissario della penitenziaria Anna Maria Costanzo (fu posta agli arresti domiciliari, poi annullati), ritenuta dalla Procura come una delle organizzatrici della perquisizione degenerata nelle violenze ai detenuti.

    Lo stesso Medici ha affermato che “la Costanzo non ha mai posto in essere atti di violenza e che solo una volta ha assistito a schiaffi dati ad un detenuto da un agente del nucleo esterno”. Anche per l’agente Alessio De Simone, tuttora sospeso come Colurciello, è emersa l’estraneità alle violenze, confermata dal teste Medici.




    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui



    LEGGI ANCHE

    Castellammare, Dino De Angelis, e “Il caso Tenco” andato in scena al Teatro Stabile Santa Filomena

    “Il caso Tenco”, uno spettacolo di Dino De Angelis, narratore e scrittore lucano, è andato in scena sabato 2 e domenica 3 marzo presso il Teatro Stabile Santa Filomena di Castellammare di Stabia, nell’ambito della rassegna 2024. L’autore, supportato da immagini e filmati dell’epoca, con una potente narrazione durata circa due ore, ha coinvolto emotivamente il folto pubblico presente, attraversando la tormentata vita di Luigi Tenco fino al tragico epilogo avvenuto il 27 gennaio 1967,...

    Pompei, sarà eliminato il passaggio a livello di via Crapolla

    Il passaggio a livello di via Crapolla a Pompei sulla linea Circumvesuviana sarà eliminato, dopo che negli ultimi giorni sono stati abbandonati una vasca da bagno e un frigorifero in quella zona. Sarà istituito un controllo con una guardia giurata 24 ore su 24. Questo è emerso da una riunione tenutasi questa mattina in Prefettura a Napoli, alla quale hanno partecipato Umberto De Gregorio, presidente di Eav, azienda del trasporto pubblico della Regione Campania che...

    De Laurentiis infastidito con DAZN, il motivo secondo Tuttosport: c’entra il nuovo calendario del Napoli

    Aurelio De Laurentiis ha fatto un'apparizione nella sala stampa prima della conferenza di Calzona e ha annunciato che i membri della SSC Napoli non concederanno più interviste ai microfoni DAZN. Il motivo? Secondo quanto riportato da Tuttosport, il presidente è convinto che DAZN abbia imposto la decisione di giocare la partita degli azzurri contro l'Atalanta alle 12:30 del sabato 30 marzo, vigilia di Pasqua. De Laurentiis avrebbe preferito spostare la partita almeno al lunedì, dando...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE