Elsa Morante e Procida, in un libro di Gea Finelli il profondo legame tra la scrittrice e l’isola

SULLO STESSO ARGOMENTO

Elsa Morante e Procida: tra la scrittrice e l’isola c’era un legame profondo che le ispirò la prima scintilla del romanzo L’Isola di Arturo, vincitore del Premio Strega nel 1957.

Un legame che ora la giornalista Gea Finelli esplora fino in fondo, come non era mai stato fatto prima, nel libro Nel mare di Elsa, in libreria i primi di luglio per Nutrimenti. Molto è stato scritto sulle lunghe permanenze a Capri della coppia Morante-Moravia, poco o nulla si sa invece del tempo trascorso dalla celebre coppia sull’isola più piccola del Golfo di Napoli.

Fra la fine degli anni ’40 e gli inizi degli anni ’80, la Morante soggiornò per lunghi periodi a Procida ma quasi mai in saggi o biografie vengono riportate date precise, né testimonianze o racconti dei suoi quei frequenti soggiorni sull’isola. La permanenza a Procida diventa nel libro un ritratto della scrittrice attraverso le voci di chi ancora la ricorda, o ne serba una memoria tramandata. Nel mare di Elsa vuole riscoprire l’isola vergine degli anni ’50 e raccontare l’impatto che la sua dimensione omerica, onirica, magica, quasi fiabesca, ebbe nel vissuto umano e professionale della scrittrice. Il libro vela una magica e difficilmente replicabile fusione alchemica tra un territorio e un’anima, entrambi impetuosi e fragili.

    Gea Finelli, ideatrice e coordinatrice del Premio letterario Pagine di Passione dedicato a Verga, collaboratrice delle pagine culturali di Repubblica Napoli, la città dove è nata nel 1983, autrice di documentari, ci mostra come molto di ciò che conosciamo del rapporto tra Elsa e Procida si ritrovi nell’incanto delle pagine dell’Isola di Arturo, nelle suggestioni di una scrittura che trasfigura luoghi, personaggi, visioni.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Avellino, scoperti telefoni e droga nella cella del boss

    La polizia penitenziaria ha effettuato una perquisizione straordinaria nella cella di un boss della camorra all'interno del carcere di Avellino, dove sono stati scoperti...

    Salerno, bancarotta fraudolenta: misura cautelare per imprenditore e commercialista

    Salerno. Divieto di esercitare l'attività imprenditoriale e ricoprire cariche direttive: misura cautelare personale per due soggetti. Nel contesto di un'ordinanza applicativa di misura cautelare personale,...

    Napoli, tragedia di San Giovanni a Teduccio, raccolta fondi on line per i figli rimasti orfani

    È partita una raccolta fondi organizzata da Antonio Molisso sulla piattaforma  GoFundMe per aiutare i figli della coppia di san Giovanni a Teduccio morta...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE