IL 'MEA CULPA'

Champions, Ceferin ammette: “Finale di Istanbul? Non è stata proprio perfetta…”

SULLO STESSO ARGOMENTO

Il presidente dell’Uefa, Aleksander Ceferin, ha ammesso che “non tutto è stato perfetto” per i tifosi nell’organizzazione della finale di Champions League a Istanbul, in particolare “per i trasporti da e per lo stadio Ataturk, l’ospitalità per i tifosi allo stadio e l’accesso all’acqua e ai bagni per tutti”.

Intervenendo all’apertura del congresso dei tifosi europei a Manchester, la città del City che ha sfidato l’Inter nella finale Champions, il numero uno dell’Uefa si è detto “consapevole” dei problemi incontrati dagli spettatori nella serata del 10 giugno. Football Supporters Europe sta preparando un dossier sui disservizi che hanno contrassegnato la partita di Istanbul, un anno dopo il caos per la finale Champions a Parigi in cui si rischiò una strage per le cariche ai tifosi del Liverpool accalcati davanti agli ingressi.

“Dato quello che è accaduto lo capirei se venissi accolto con freddezza da voi”, ha premesso Ceferin, “non minimizzo i problemi incontrati da una parte dei tifosi, ma continuiamo a lavorare insieme per migliorare quello che possiamo migliorare”. Poi ha promesso che la prossima finale di Champions a Wembley e gli europei di calcio in Germania, nel 2024, offriranno “un’esperienza unica” ai tifosi.

    Finale Champions a Istanbul, la ‘via crucis’ dei tifosi

    Molti tifosi di Inter e Manchester City sono stati costretti a un’autentica ‘via crucis’ per raggiungere lo stadio Ataturk e poi per ripartire verso il centro di Istanbul e verso gli aeroporti. Le poche navette gratuite mese a disposizione dall’Uefa erano in realtà bus molto scomodi con pochi posti a sedere, in cui i tifosi viaggiavano in piedi e stipati nelle due ore necessarie a coprire il lunghissimo tragitto per aggirare il traffico e i blocchi.

    A chi ha tentato di prendere un taxi sono stati chiesti dai 150 agli 800 euro per corse che di norma non superano i 30 euro. Ma il vero dramma c’è stato dopo la partita, quando i tifosi sono stati letteralmente trattati alla stregua di “bestiame”, come ha titolato il Guardian riprendendo le lamentele sui social. Si sono visti tifosi stipati all’inverosimile nelle navette rimaste bloccate per ore nel caotico traffico in uscita dallo stadio.

    I tifosi delle due squadre hanno trovato al parcheggio una lunghissima fila di bus senza alcuna indicazione luminosa della destinazione e questo ha creato sconcerto, anche perché gli autisti accendevano l’insegna solo al momento dell’apertura delle porte, in una sorta di roulette per i passeggeri. Nessuna traccia di uno steward o di un poliziotto che guidasse i tifosi e regolamentasse gli accessi ai mezzi, nonostante fosse la partita più importante della stagione europea con 75mila spettatori.

    I mezzi strapieni si sono intasati lungo un imbuto che si è subito chiuso paralizzando la circolazione. Ci sono volute quasi due ore, con molti malori e richieste di apertura delle porte per respirare, prima che il traffico si sbloccasse. Da quel momento le navette hanno percorso gli oltre 30 chilometri necessari per arrivare in centro dal quartiere Initelli che ospita l’Ataturk, all’estrema periferia ovest della metropoli turca e non molto distante dalla frontiera greca. In tanti sono arrivati in hotel dopo le 3 e anche le 4 di notte, 4 ore dopo la fine della partita.

    La rivolta contro la disorganizzazione dell’Uefa è stata bipartisan e ha unito nella solidarietà i tifosi inglesi e italiani che in alcuni casi hanno diviso i taxi insieme. I media inglesi, ancora critici con l’Uefa per la finale del 2022, hanno attaccato duramente questa disorganizzazione che ha macchiato l’esperienza turca di decine di migliaia di appassionati. Nel mirino anche l’insufficiente scorta di acqua nei punti vendita dello stadio e delle Fan Zone e il numero di toilette assolutamente inadeguato rispetto alla massa di tifosi presenti.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    “Giustizia per Fulvio”: la madre e l’Università di Napoli chiedono verità

    "Giustizia per Fulvio" è il grido che unisce la madre di Fulvio Filace, Rosaria Corsaro, e l'Università Federico II di Napoli, dove il giovane...

    Arrestato a Capodichino boss latitante di Taranto: stava fuggendo in Spagna

    Giuseppe Palumbo, un boss latitante di 35 anni della città di Taranto, è stato arrestato dalle forze dell'ordine al momento in cui stava per...

    Voragine al Vomero, i ragazzi coinvolti: “Illesi per miracolo, poteva andare molto peggio”

    "Siamo veramente fortunati, la situazione avrebbe potuto essere molto, ma davvero molto peggiore. Siamo salvi per miracolo ed è tutto grazie anche alla prontezza...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE