Alto impatto a Secondigliano e a San Pietro a Patierno

SULLO STESSO ARGOMENTO

Stamattina gli agenti del Commissariato Secondigliano, i militari della Stazione dei Carabinieri di San Pietro a Patierno, personale delle Unità Operative Secondigliano della Polizia Locale del Comune di Napoli e gli operatori del Centro Servizio Veterinario dell’A.S.L. NA1, con il supporto del Reparto Prevenzione Crimine Campania, hanno effettuato un servizio straordinario di controllo del territorio nel quartiere Secondigliano e a San Pietro a Patierno.

Nel corso dell’attività sono state identificate 65 persone, di cui 25 con precedenti di polizia, controllati 56 veicoli e contestate due violazioni del Codice della Strada per revisione periodica scaduta.

Durante il servizio, gli operatori hanno controllato due aree recintate in via Comunale Tavernola e in strada comunale Selva Cafaro ed hanno sanzionato il titolare della prima per gestione illecita di rifiuti nonché segnalato ql Comune di Napoli per esercizio di parcheggio di veicoli in mancanza di SCIA poiché sono stati rinvenuti due cumoli di rifiuti e numerose auto in sosta, mentre nella seconda hanno trovato un cane privo di microchip e sei galline prive di codice aziendale, pertanto il proprietario degli animali è stato sanzionato amministrativamente.



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui




LEGGI ANCHE

Napoli-Barcellona, corse extra metropolitana dopo la partita

Dopo la partita di calcio Napoli-Barcellona, sono previste corse straordinarie della Linea 2 della metropolitana. Il match di andata degli ottavi di finale di Champions...

Somma Vesuviana, pusher in giro con oltre 100 dosi di droga: arrestato

Arrestato a Somma Vesuviana un pusher di 21 anni per detenzione di droga a fini di spaccio. I carabinieri hanno fermato e perquisito Antonio Barra,...

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

Ucciso a Lettere il boss dei narcos dei Monti Lattari: Ciro Gargiulo ‘o biondo

Pranzo con il piombo, anzi con i proiettili di fucile per il boss dei narcos dei Monti Lattari, Ciro Gargiulo detto ciruzzo o' biondo....

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE