Presidio Brucellosi, 16 allevatori bufale indagati nel Casertano

SULLO STESSO ARGOMENTO

Chiuse le indagini nei confronti di 16 allevatori bufalini del Casertano a cui la Procura di Santa Maria Capua Vetere contesta il reato di ostacolo alla circolazione stradale in relazione al presidio con i trattori realizzato per alcune settimane nel mese di maggio sulla strada statale Domiziana, nei pressi dello svincolo per Cancello e Arnone.

Entro 20 giorni possono depositare memorie e documenti difensivi e chiedere di essere interrogati. La protesta, che risale all’inizio di maggio, aveva come obiettivo tenere alta l’attenzione su una vertenza, quella relativa all’emergenza brucellosi, che da oltre un anno vede contrapposti i titolari di allevamenti di bufale e la Regione Campania per il piano di eradicazione di brucellosi e tbc bufaline, varato nel marzo 2022.

Un piano ritenuto negativo per il comparto, in quanto non contemplerebbe – a detta degli allevatori – un cambio di passo nella gestione dell’emergenza sanitaria, ovvero il superamento della politica di abbattimenti dei capi per sospetta brucellosi, che ha portato in oltre 10 anni all’abbattimento di oltre 140mila bufale, di cui solo l’1,4% risultato effettivamente malato da analisi post mortem.

    Il presidio venne rimosso il 24 maggio, due giorni dopo il summit al Ministero della Salute convocato dal sottosegretario Marcello Gemmato il cui esito fu giudicato “positivo” dagli allevatori. A

    ll’incontro presero parte i parlamentari di tutti gli schieramenti, numerose sindacati e associazioni di categoria degli allevatori, con l’eccezione delle quattro che siedono al tavolo verde della Regione Campania (Confagricoltura, Copagri, Cia e Coldiretti).

    Negli ultimi giorni però si è registrata una “fronda interna” a Confagricoltura e Copagri, con le sezioni casertane delle due associazioni che hanno manifestato dissenso rispetto ai vertici regionali che siedono al tavolo con la Regione, tanto che la sezione casertana di Confagricoltura è stata commissariata.




    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Napoli, si spara a Forcella: incensurato ferito alle gambe

    Si torna a sparare a Forcella. È accaduto in via Carbonara dove un incensurato è rimasto ferito da colpi di arma da fuoco alle...

    Latitante del clan Orlando scovato sotto casa a Marano nonostante la parrucca per camuffarsi

    I carabinieri hanno arrestato il 37enne Fabio d'Agostino

    Villa Literno, rapina una donna e la spinge a terra: nigeriano inseguito e arrestato

    A Villa Literno, un 33enne nigeriano è stato arrestato dai Carabinieri per aver rubato il portafoglio a una donna e averla spinta a terra...

    Camorra, il boss pentito Pasquale Cristiano: “Ci fu un summit di 30 persone per decidere di eliminarci”

    La faida di camorra che nei mesi scorsi ha insanguinato le strade di Arzano e dei comuni vicini aveva trovato il suo apice nel...

    Violenta lite in strada a Carinaro per una precedenza non data: il video virale sul web

    A Carinaro si è verificata una violenta lite tra due automobilisti a causa di una precedenza non data. La situazione è degenerata in una...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE