Brucellosi, aziende casertane Copagri: “Noi con allevatori”

SULLO STESSO ARGOMENTO

Dopo la sezione casertana di Confagricoltura, anche quella di Copagri esprime dissenso rispetto ai vertici regionali campani dell’organizzazione sulla questione brucellosi.

Lo fa con una lettera sottoscritta da 19 aziende sulle 22 associate a Copagri nel Casertano, ed inviata al sottosegretario alla Salute Marcello Gemmato, in cui viene espressa “chiara posizione a favore degli allevatori bufalini casertani che da oltre un anno protestano contro la Regione Campania affinchè ritiri il piano regionale di eradicazione di brucellosi e tbc bufaline e abbandoni la politica degli abbattimenti dei capi per sospetta brucellosi, che ha portato in oltre 10 anni all’abbattimento di oltre 140mila bufale, di cui solo l’1,4% risultato effettivamente malato da analisi post mortem”.

Una posizione in contrasto con quella dei vertici regionali di Copagri, che insieme a Confagricoltura e alle altre due associazioni tra le maggiormente rappresentative del mondo agricolo Cia e Coldiretti, fa parte del tavolo verde indetto dalla Regione Campania per risolvere il problema della brucellosi.

    Un tavolo cui siedono appunto i vertici regionali delle quattro sigle, ma che non sembrerebbe – secondo quanto affermano i firmatari della lettera .. rappresentare il “sentire reale” degli allevatori che sono sul territorio.

    Le 19 aziende della sezione casertana di Copagri che hanno scritto a Gemmato, rammaricandosi di non aver potuto partecipare alla riunione tenuta il 22 maggio scorso a Roma al Ministero della Salute, hanno in pratica assunto una posizione simile a quella della sezione casertana di Confagricoltura (che conta poco più di 70 aziende associate nel Casertano), che qualche giorno fa è stata commissariata proprio per questa sua scelta di dissenso rispetto ai vertici regionali.

    Le 19 aziende chiedono l’attuazione sulla questione brucellosi dell’ordine del giorno votato alcune settimane fa al Senato su proposta di alcuni parlamentari casertani, che prevede l’applicazione della normativa europea, e richiede un doppio test positivo per il capo bufalino prima di procedere all’abbattimento, dunque di accertare che l’animale sia realmente malato.

    Il referente degli allevatori casertani di Copagri, Fabio Napolitano, spiega che le “19 aziende che hanno firmato la lettera rappresentano la più ampia maggioranza delle aziende allevatrici bufaline iscritte alla Copagri in provincia di Caserta.

    Unitamente ad altri iscritti di altre organizzazioni di categoria presenti nel Tavolo Verde (Confagricoltura, Coldiretti), stiamo rivolgendo un invito ai Presidenti Regionali delle nostre organizzazioni perché partecipino ad un incontro pubblico presso il Comune di Casal di Principe”.

    Le quattro associazioni presenti al tavolo verde raccolgono circa la metà delle quasi 580 aziende di allevamento bufalino del Casertano, ma, secondo quanti si sostiene, “tanti allevatori iscritti alle quattro associazioni, come dimostrano i casi di Confagricoltura e Copagri, non seguono più i vertici regionali o nazionali”.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Incidente sulla Statale sannitica: muore 24enne

    Incidente mortale sulla Statale Sannitica Nord: giovane di 24 anni perde la vita. Nella mattinata odierna, i carabinieri appartenenti alla compagnia di Caivano sono intervenuti...

    Arrestato un uomo per aver violato la sorveglianza speciale a Pozzuoli

    Gli agenti del Commissariato di Pozzuoli hanno arrestato un uomo di 49 anni a seguito di un controllo in Via Campana. L'uomo, sottoposto alla...

    Cava de’ Tirreni, perseguita ex compagna: divieto avvicinamento per 44enne

    I carabinieri della tenenza di Cava de' Tirreni hanno eseguito un'ordinanza per il divieto di avvicinamento e l'applicazione del braccialetto elettronico nei confronti di...

    Camorra: stesa a Pianura contro la casa del boss Antonio Carillo

    Napoli. Prima l'incendio di uno scooter parcheggiato in strada e poi una stesa di avvertimento. Torna la paura, tornano gli spari in via Evangelista...

    Tre omicidi in 10 giorni, maxi blitz a Castellammare e Torre Annunziata

    Tre omicidi in 10 giorni, un fermo e un maxi blitz a Castellammare di Stabia e Torre Annunziata.E' questo il bilancio della recrudescenza di...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE