Torre Annunziata, camorristi del “Quarto sistema” col reddito di cittadinanza: 10 indagati

SULLO STESSO ARGOMENTO

Stamane a Poggiomarino, Boscoreale e Bologna, i Carabinieri del Gruppo di Torre Annunziata hanno dato esecuzione alla misura cautelare reale del sequestro preventivo anche per equivalente emesso dal G.I.P. del Tribunale di Torre Annunziata su richiesta della Procura della Repubblica, nei confronti di 10 indagati ritenuti responsabili di truffa aggravata per l’indebito conseguimento di erogazioni pubbliche.

Contestualmente, i militari hanno effettuato altrettante perquisizioni personali e locali.
Le indagini, condotte dalla Stazione CC di Poggiomarino – con il supporto del Nucleo Investigativo del Gruppo carabinieri di Torre Annunziata – hanno consentito di rilevare come gli attuali indagati, otto dei quali di nazionalità straniera, avrebbero deliberatamente omesso – all’atto della presentazione della domanda per accedere al beneficio del “reddito di cittadinanza” — di dichiarare all’INPS la mancanza di alcuni requisiti necessari per ottenere il beneficio, tra cui la residenza in Italia da almeno un decennio ovvero la proprietà di massimo un autoveicolo.

Alcuni degli indiziati avrebbero presentato più domande contraddistinte da indicazioni scientemente false e dissimulatorie; uno dei destinatari dei provvedimenti odierni è ritenuto appartenente all’associazione di tipo mafioso denominata “Quarto Sistema”, operante prevalentemente nel Comune di Torre Annunziata.

    Oggetto del sequestro è la somma complessiva di 60.720,45 euro, che gli indagati avrebbero percepito indebitamente nel periodo compreso tra i mesi di maggio 2019 e marzo 2021. Le operazioni di sequestro sono tuttora in corso.

    LEGGI ANCHE

    Napoli, muore a 21 anni dopo intervento per aumentare il seno

    Nella zona di San Pietro a Patierno a Napoli, si è consumata una tragedia che ha lasciato tutti sconvolti. La giovane Alessia Neboso ha perso...

    L’attrice Ida Di Benedetto dopo il furto in casa: “Venivo qui per vedere il mare, andrò via da Napoli”

    "Qualcuno ha fatto irruzione nella mia camera da letto alle sei del mattino, ci ha chiusi all'interno. Mi sono resa conto della situazione e...

    Napoli, 21enne morta dopo intervento al seno, Asl chiude clinica

    L'Asl Napoli 1 Centro ha disposto la sospensione dell'attività della clinica privata, Smeraglia Clinic di via Benedetto Brin a Gianturco, nella quale è stata...

    IN PRIMO PIANO