Pozzuoli, paziente minaccia medico e infermiera in ospedale: “Vi uccido di mazzate”

SULLO STESSO ARGOMENTO

“Vi uccido di mazzate con l’unico braccio sano che ho”. Questa la minaccia rivolta da un paziente, in attesa al pronto soccorso dell’ospedale Santa Maria delle Grazie di Pozzuoli, al medico di turno.

A segnalare l’ennesima aggressione – la numero 13 da inizio anno nell’Asl Napoli 2 – è l’associazione Nessuno tocchi Ippocrate, a cui risulta che il paziente, un codice verde, ha reagito così perché l’attesa per essere visitato è stata, a detta sua, troppo lunga.

L’aggressore ha indirizzato offese e minacce anche al primario della struttura e a una infermiera del triage. Alle 13.10 è accorsa una volante dei carabinieri che ha ristabilito la calma e ha raccolto le testimonianze delle vittime, riferisce Nessuno tocchi Ippocrate.



     Sono già 38 gli episodi di violenza dall’inizio dell’anno

    Però, non essendoci stata aggressione fisica, probabilmente non si potrà procedere penalmente contro l’aggressore. Sono 38 gli episodi di violenze e minacce registrati in questi primi mesi del 2023 tra Asl Napoli 1 e Napoli 2.




    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Qualiano, 15enne in giro con tirapugni, coltello e proiettile

    Un 15enne di Qualiano è stato denunciato per il possesso di armi dopo essere stato fermato dai carabinieri in sella a uno scooter senza assicurazione. Durante un controllo alla circolazione, i militari hanno scoperto un tirapugni, un coltello a scatto di 21 centimetri e 49 cartucce a salve nascoste nel sottosella del veicolo. Il giovane, che era in compagnia di un amico,  è stato trovato particolarmente nervoso al momento dell'arresto. Il materiale è stato sequestrato insieme allo...

    Giugliano, tocca un cavo scoperto: giovane rom di 21 anni muore folgorato

    Un giovane di 21 anni residente nel campo rom di Scampia è morto folgorato, dopo essere stato trasportato senza vita al pronto soccorso dell'ospedale San Giuliano di Giugliano dai suoi amici. Nonostante i tentativi di rianimazione da parte del personale medico, purtroppo non c'è stato nulla da fare. Gli agenti del commissariato di polizia di Giugliano sono intervenuti presso il nosocomio di via Basile e un'indagine sarà aperta per fare luce sulla vicenda. Al momento non...

    Camorra, 50 anni di carcere per il racket del pane ai nuovi Lo Russo di Miano

    I nuovi capi del clan Lo Russo di Miano, accusati di estorsione aggravata, per il cosiddetto racket del pane hanno incassato 50 anni di carcere. Lee condanne hanno riguardato Salvatore Di Vaio, 48 anni, detto "Totore o' Cavallo",  Alessandro Festa, 24 anni, Cosimo Napoleone, 33 anni, Fabio Pecoraro, 26 anni, Giovanni Perfetto, 59 anni, detto "o' mostr ("il mostro", ndr) e Raffaele Petriccione, 25 anni, detto "Raffaele o' pazz" sono stati condannati a 7 an...

    Napoli, figlia e sorelle del boss nelle case popolari del rione Amicizia. I nomi dei 16 indagati

    La Procura di Napoli ha indagato 16 persone per l'occupazione abusiva di case popolari nel Rione Amicizia a Napoli. Tra gli indagati ci sono...

    Napoli, gli affari di Michele Scognamiglio il “guru” del riciclaggio internazionale

    Il mago del riciclaggio, il napoletano Michele Scognamiglio aveva messo in piedi una  centrale capace di ripulire ben 2,6 miliardi di euro in cinque...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE