Ai ragazzi di Nisida tre biliardini e un’offerta di lavoro

SULLO STESSO ARGOMENTO

Ha accolto l’appello lanciato da Francesca Fagnani al festival di Sanremo. Oggi Giovanni Liccardo, imprenditore napoletano, presidente della Lever Touch, gruppo leader mondiale nel settore del Car Repair, ha consegnato tre biliardini ai ragazzi del carcere minorile di Nisida.

Ma, cosa più importante, ha dato ad alcuni di loro l’opportunità di imparare un mestiere e poi un lavoro stabile e qualificato. Tutto ha avuto inizio quando Francesca Fagnani da Sanremo ha sottolineato come talvolta non si faccia abbastanza per prendersi cura dei ragazzi che vivono in contesti difficili.

Un appello accolto da Luiccardo presente tra il pubblico dell’Ariston che ha subito preso contatto con il direttore dell’istituto minorile di Nisida, Gianluca Guida. E l’offerta di aiuto si è concretizzata con il regalo di tre biliardini ma soprattutto nel dare, ad alcuni di loro, l’opportunità di imparare un mestiere e poi un lavoro stabile.

    E cosi’ per un primo ragazzo è già scattata l’assunzione in Lever Touch, per un altro le procedure sono state avviate. “Sono molto grata alla Rai che mi dato l’opportunità di aprire su questo tema – ha detto Fagnani – ed il gesto fatto da questo imprenditore è importantissimo perchè significa un’apertura verso questi ragazzi. E li sta aiutando a trovare una collocazione. E tutto questo è stato possibile grazie alla Rai”.

    “Sono napoletano orgoglioso di esserlo e per questo ho fortemente voluto che il mio Gruppo Lever Touch presente in Europa e nel mondo avesse radici a Napoli; sono quindi felice di poter offrire il mio contributo a questa meravigliosa città ed in particolare ai ragazzi meno fortunati dando loro una concreta prospettiva di recupero e di vita migliore”, ha detto Giovanni Liccardo.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Voragine al Vomero, i ragazzi coinvolti: “Illesi per miracolo, poteva andare molto peggio”

    "Siamo veramente fortunati, la situazione avrebbe potuto essere molto, ma davvero molto peggiore. Siamo salvi per miracolo ed è tutto grazie anche alla prontezza...

    Pietramelara, urta scooter e causa lesioni al conducente: 57enne denunciato

    Durante la serata del 19 febbraio, un 57enne di Pietramelara (Caserta) è stato denunciato dai carabinieri per lesioni personali stradali in seguito all'urto laterale...

    Napoli, tragedia di San Giovanni a Teduccio, raccolta fondi on line per i figli rimasti orfani

    È partita una raccolta fondi organizzata da Antonio Molisso sulla piattaforma  GoFundMe per aiutare i figli della coppia di san Giovanni a Teduccio morta...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE