Scontri a Napoli, l’amarezza di Gigi D’Alessio e Nino D’Angelo

SULLO STESSO ARGOMENTO

”Fa male vedere scene che assomigliano più a quelle di una guerra, quando il calcio così come la musica, dovrebbe unire e creare solo momenti di festa e di gioia”.

Lo ha detto Gigi D’Alessio a proposito dei violenti scontri di ieri tra i tifosi della squadra di calcio tedesca Eintracht Francoforte e quelli del Napoli, prima e dopo la partita di Champions League.

”Sono molto dispiaciuto che in un momento così magico per questa squadra e questa città accadano episodi come questi. Il mio appello è quello di ricordare sempre che la violenza non deve e non può esistere in nessuna circostanza”, conclude.

    E a lui si è aggiunto un altro cantante napoletano molto amato dai tifosi ovvero un “ragazzo della curva B” di nome Nino D’Angelo. ”Questi sono venuti in Italia a rompere il ca… e ora sono loro che devono pagare tutti i danni! Non ci bastano le scuse della Germania”. 

    L’ex caschetto d’oro di Napoli che da anni vive a Roma come D’Alessio ma grande tifosi degli azzurri ha poi aggiunto: ”Da tifoso dico che quello che è avvenuto non c’azzecca niente con il calcio. Che sono venuti a fare i tifosi dell’Eintracht Francoforte se sapevano di non poter entrare allo stadio? Noi tifosi napoletani che c’entriamo? Loro vengono a casa mia a scassare la mia città e io devo pagare? È’ normale che i napoletani abbiano reagito”.

    ”Se lo avessimo fatto noi a Francoforte saremmo finiti su tutte le prime pagine dei giornali del mondo. Questi non dovevano partire, se volete venire a protestare perché non vi fanno entrare allo stadio fatelo, ma senza spaccare le vetrine. Quello che è accaduto è un fatto molto grave”.

     



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Aversa, tentano di rubare la marmitta dal furgone delle Poste: arrestati 2 napoletani

    Nella giornata del 15 febbraio 2024, la Polizia Ferroviaria di Aversa ha eseguito un'ordinanza di arresti domiciliari emessa dal GIP del Tribunale di Napoli...

    Follia in Circumvesuviana: una vasca da bagno sui binari a Scafati

    Un atto di inaudita follia ha rischiato di provocare un disastro sulla Circumvesuviana. Una vasca da bagno è stata infatti posizionata al centro dei binari...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE