Processo ai nuovi Casalesi: a giudizio i figli dei boss

SULLO STESSO ARGOMENTO

Processo immediato, senza il filtro dell'udienza preliminare, per 39 persone, tra cui figli e generi del capo dei Casalesi, Francesco Bidognetti, alias Cicciotto e Mezzanotte, accusati di aver riorganizzato negli ultimi anni il clan di camorra, in particolare le fazioni Bidognetti e Schiavone.

A disporre il processo immediato è stato il Gip del tribunale di Napoli, Isabella Iaselli, che ha accolto la richiesta presentata dai sostituti procuratori della Direzione Distrettuale Antimafia di Maurizio Giordano, Graziella Arlomede, Fabrizio Vanorio, Vincenzo Ranieri.

Sotto processo agli inizi di giugno andranno i tre figli di Cicciotto, ovvero l'ultimogenito Gianluca, le sorelle Teresa e Katia, i mariti di queste ultime Vincenzo D'Angelo e Carlo D'Angiolella, Emiliana e Francesca Carrino, rispettivamente zia e cugina dei figli del boss (Emiliana è la sorella di Anna, attualmente collaboratore di giustizia nonché ex compagna del boss e madre di Gianluca, Katia e Teresa), e storici affiliati ai Bidognetti come Giosuè Fioretto, di Emiliana, e Nicola Kader Sergio, di Francesca e ritenuto capozona a Castel Volturno per conto del clan.

    Tra le accuse, oltre a quella di aver riorganizzato il clan soprattutto attorno a Gianluca Bidognetti, nonostante questi fosse in carcere dal 2008 per il tentato omicidio della zia e della cugina Francesca, anche le estorsioni ai danni di numerosi operatori commerciali (un imprenditore è stato attinto alle gambe da colpi d'arma da fuoco), il controllo del settore delle onoranze funebri grazie ad accordi risalenti agli anni '80 con aziende operanti sul territorio, il traffico di sostanze stupefacenti.

     Le sorelle Katia e Teresa Bidognetti portavano gli ordini fuori dal carcere

    Secondo gli inquirenti ad attuare fuori dal carcere le direttive di sarebbero state le sorelle Katia e Teresa, che avrebbero percepito lo stipendio del clan, e i mariti di queste ultime, in particolare quello di Katia, Vincenzo D'Angelo.



    Torna alla Home

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui


    telegram

    Bimbo di 5 mesi muore azzannato dal pitbull di famiglia

    Un'immane tragedia ha colpito la comunità di Palazzolo Vercellese. Un bambino di soli cinque mesi è morto dopo essere stato azzannato da un cane di grossa taglia, un pitbull, all'interno della sua abitazione. I soccorsi sono stati immediati, ma purtroppo per il piccolo non c'è stato nulla da fare. Il...

    L’allarme di Arcigay: 149 casi di violenza o discriminazione nell’ultimo anno

    Nell'ultimo anno sono stati registrati 149 casi di violenze o discriminazioni ai danni di persone LGBTQI+, con una media di uno ogni due giorni. L'allarme e i dati sono forniti da Arcigay, che tiene il conto degli articoli di stampa e, in occasione della giornata internazionale contro l'omofobia, la...

    IN PRIMO PIANO