Imprenditore suicida a Marano nella falegnameria sequestrata: dolore e rabbia

SULLO STESSO ARGOMENTO

C’è sconcerto misto a rabbia a Marano per il suicidio dell’imprenditore Giovanni Cerqua di 52 anni.

L’uomo è stato trovato privo di vita all’interno della falegnameria di sua proprietà a Marano che era stata sequestrata un mese fa dagli agenti della polizia municipale per violazioni delle norme ambientali. A ritrovare il corpo di Giovanni sono stati ieri sera i carabinieri della locale stazione allertati dalla segnalazione dei familiari, che da alcune ore non riuscivano a mettersi in contatto con lui.

Accanto al corpo, il fedele Lupin, il suo cane,  che vegliava sul suo padrone. I carabinieri hanno anche ritrovato una lettera d’addio, lunga cinque pagine, indirizzata ai familiari in cui spiega i motivi dell’estremo gesto.

    ll sequestro aveva riguardato macchinari, un centinaio di contenitori di vernice, la strumentazione per la verniciatura e l’immobile. Il magistrato di turno ha disposto il sequestro della salma dell’imprenditore sui sui sarà effettuata l’autopsia.

    Tanti i commenti sui social alla notizia della sua morte: “Certo sull’ambiente è necessario fare tutto il possibile , ma l’approccio , non può essere solo repressivo , e distruttivo , i necessari adeguamenti alle norme sono costosi ed a volte il piccolo imprenditore , non ha la forza di sostenerli , forse come nel caso del povero Giovanni Cerqua.

    I nostri amministratori della cosa pubblica tutti intesi , potrebbero anche escogitare un piano di intervento idoneo a salvaguardare l’ambiente , la vita e l’attività dei poveri cristi , invece di lasciarli poi in balia delle acque, con l’attività sequestrata e con multe da pagare .
    Non posso non essere rattristato nel leggerle tale notizie e anche arrabbiato per l’incapacità amministrativa del nostro paese”; ha scritto un conoscente.

     Nappi (Lega), interrogarsi su causa scatenante estremo gesto

    Sulla vicenda è intervenuto anche Severino Nappi, capogruppo della Lega nel Consiglio regionale della Campania: “Il rispetto delle regole deve essere alla base anche di ogni attivita’ imprenditoriale. Bisogna pero’ interrogarsi e indagare a fondo sulla causa scatenante che ha portato un lavoratore, un padre di famiglia di 52 anni a compiere un gesto estremo.

    La storia di Giovanni e’ purtroppo solo l’ultima di tanti imprenditori che stritolati dalla morsa asfissiante della burocrazia, dei sequestri preventivi, delle lungaggini amministrative e del mancato supporto delle istituzioni locali alle piccole e medie imprese, scivolano in una spirale di avvilimento tale da portare a togliersi la vita. Ci stringiamo alla famiglia di Giovanni, alla quale esprimiamo massima vicinanza per la perdita del proprio caro”.



    Torna alla Home

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    telegram

    LIVE NEWS

    CALCIO MERCATO, il Napoli su Lukaku e il neo promosso Como prepara il colpo Icardi

    In attesa che si sistemino le tante panchine ancora in attesa del loro nuovo 'padrone' (le ultime danno PIOLI in avvicinamento al Napoli, con contratto biennale più opzione per un'ulteriore stagione), con DE ZERBI ancora in attesa di proposte concrete (oltre a quelle di Porto e Marsiglia) dopo il...

    Il cantautore casertano Valerio Piccolo firma la canzone del film di Paolo Sorrentino

    Il poliedrico artista di Caserta, Valerio Piccolo, noto musicista, cantautore, traduttore e adattatore per libri, teatro e cinema, firma la canzone originale "E si' arrivata pure tu" per il nuovo film di Paolo Sorrentino, "Parthenope", in concorso al 77esimo Festival del cinema di Cannes. "Sono onorato e felice di contribuire...

    CRONACA NAPOLI