Arzano, diversamente abile aggredito da coloro che aveva denunciato

SULLO STESSO ARGOMENTO

Non è ancora guarito dopo due settimane il 40enne diversamente abile Luigi Reccia di Arzano aggredito per aver denunciato chi occupava il suo posto auto.

Il primo marzo scorso è stato aggredito da coloro che avevo denunciato poiché gli bloccavano volontariamente il garage ed il suo posto auto impedendogli di uscire dal garage.

In sette gli hanno teso un vero agguato e lo hanno picchiato selvaggiamente anche con mazze. L’uomo è stato trasportato in ambulanza all’ospedale di Frattamaggiore dove ha rimediato un trauma contusivo all’occhio sinistro e lesioni  e ferite in varie parti del corpo.

    Racconta Luigi: “Il tutto è avvenuto alla presenza dei carabinieri di Arzano, che avendo capito le loro intenzioni, li avevo allertati tempestivamente, altrimenti chi sa dove sarei adesso…dimenticavo alla loro presenza mi hanno sfondato anche il parabrezza della mia auto.La giustizia: io sto facendo la mia degenza loro stanno tranquillamente a piede libero”.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Arrestato a Capodichino boss latitante di Taranto: stava fuggendo in Spagna

    Giuseppe Palumbo, un boss latitante di 35 anni della città di Taranto, è stato arrestato dalle forze dell'ordine al momento in cui stava per...

    Salerno, bancarotta fraudolenta: misura cautelare per imprenditore e commercialista

    Salerno. Divieto di esercitare l'attività imprenditoriale e ricoprire cariche direttive: misura cautelare personale per due soggetti. Nel contesto di un'ordinanza applicativa di misura cautelare personale,...

    Voragine in via Morghen al Vomero: la strada inghiotte due auto. Ferito uno degli occupanti

    Tragedia sfiorata intorno alle 5 di stamane. Evacuato un edificio

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE