Il dramma di Ambrosini: “La nostra famiglia sconvolta dalla malattia di mio figlio”

SULLO STESSO ARGOMENTO

“Da sei mesi la mia vita e quella della mia famiglia sono state sconvolte dalla malattia di nostro figlio più piccolo”. Con queste le parole Massimo Ambrosini, ex calciatore, dirigente sportivo e commentatore televisivo su Instagram scende in campo per la Fondazione Italia Diabete, a sostegno della ricerca.

Ambrosini in campo per la ricerca: “Mio figlio è malato”

“A mio figlio Alessandro è stato diagnosticato il diabete di tipo 1, che è una malattia autoimmune, cronica e degenerativa. Una malattia che non si vede, ma può avere conseguenze gravissime”, spiega l’ex centrocampista.

Nato a Pesaro, Ambrosini è sposato con Paola Angelini da cui ha avuto 3 figli, tra cui Alessandro, di 3 anni affetto dal diabete di tipo 1, la forma autoimmune che colpisce i bambini. “Siamo costretti costantemente – spiega Ambrosini – a tenere monitorata la sua glicemia e fare iniezioni di insulina più volte al giorno, tutti i giorni”.

    La malattia di Alessandro: “Il diabete di tipo 1 è inguaribile”

    Al momento, aggiunge, “il diabete di tipo 1 è una malattia inguaribile, ma c’è una speranza che passa esclusivamente dalla ricerca scientifica. Io, mia moglie e tutti i parenti delle 200 mila persone fra adulti e bambini, che hanno questa malattia, vogliamo che si arrivi ad una cura definitiva”.

    Per questo, dice ancora nel video, “ho deciso di correre alla Milano Marathon, insieme a qualche mio ex compagno di squadra, per sostenere la Fondazione Italiana Diabete” e aiutare “la ricerca a correre più veloci”.

     

    Visualizza questo post su Instagram

     

    Un post condiviso da Massimo Ambrosini (@massimoambrosini)



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE