Violenti scontri tra detenuti napoletani e stranieri nel carcere minorile di Airola

SULLO STESSO ARGOMENTO

Violenti scontri sono avvenuti ieri pomeriggio carcere minorile di Airola, in provincia di Benevento dove c’è stato uno scontro tra detenuti stranieri e detenuti napoletani.

I disordini si sono protratti fino a notte. Secondo quanto si apprende, prima che tornasse la calma un gruppo di carcerati ha letteralmente sdradicato la porta blindata di una cella, causando lesioni ai muri della sezione detentiva.

“Gli istituti minorili campani – commentano Auricchio Ciro dell’USPP e Eugenio Ferrandino della UIL P.A. PP – sono diventati una miscela esplosiva a causa della promiscuità tra detenuti italiani e stranieri. Proprio questi ultimi – sottolineano i due sindacalisti – si sono resi resi autori di svariati atti di violenza, anche nei confronti del personale di polizia penitenziaria e sono riluttanti a qualsiasi regola o trattamento penitenziario”.

     Durante gli scontri tra detenuti napoletani e stranieri sdradicata la porta blindata di una cella

    In sostanza, secondo Auricchio e Ferrandino, “vanno ad aggiungersi a quelli del nostro territorio aggravando una situazione già precaria”.

    “Chiediamo – concludono i due sindacalisti – la chiusura parziale dell’istituto minorile e l’inizio dei lavori già in calendario e ormai non più rinviabili visto la decadenza strutturale dell’istituto airolese. Complimenti, infine, al comando dell’istituto, che con grande professionalità a evitato il peggio”.

     



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Oroscopo di oggi 21 febbraio 2024

    Oroscopo di oggi 21 febbraio 2024: le previsioni dello zodiaco segno per segno ARIETE: Oggi potresti sentirti particolarmente energico e motivato a raggiungere i tuoi...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE