Rapina Rolex in trasferta a Forte dei Marmi: 3 arresti a Napoli

SULLO STESSO ARGOMENTO

Sgominata la “paranza” di Forcella dei rapina Rolex in trasferta. Dall’alba è infatti in corso, nella provincia di Napoli, un’operazione dei Carabinieri di Viareggio cui collaborano anche militari del Comando Provinciale Carabinieri di Napoli.

Oltre 30 carabinieri stanno eseguendo un’ordinanza applicativa di misura cautelare in carcere nei confronti di 3 soggetti di nazionalità italiana, di origine campana, per concorso in rapina.

L’operazione, coordinata dalla Procura della Repubblica di Lucca ha permesso di identificare tutti i soggetti che lo scorso mese di marzo, a Forte dei Marmi, in provincia di Lucca, hanno rapinato un turista, originario di Prato, del proprio orologio di lusso.

    Delle tre persone arrestate per il concorso in rapina avvenuto a Forte dei Marmi, in provincia di Lucca, quando ad un turista fu rubato un Rolex da 40 mila euro, uno è residente a Frattamaggiore, in provincia di Napoli, gli altri residenti a Napoli in zona Forcella.

    L’indagine condotta dai militari dall’arma di Viareggio, coordinati dalla Procura di Lucca, ha consentito di attribuire ai soggetti arrestati sia l’organizzazione che l’esecuzione materiale del colpo nel corso del quale è stato asportato un orologio “Rolex” modello “Daytona” del valore di circa 40.000 euro ai danni di un uomo originario della provincia di Prato mentre passeggiava assieme alla moglie nei pressi del pontile di Forte dei Marmi, poco prima di recarsi a pranzo in un ristorante della zona.

    Uno dei malviventi, dopo aver strappato l’orologio dal polso dell’uomo, procurandogli anche alcune abrasioni, era stato inseguito a piedi per un breve tratto dalla vittima che successivamente, dopo essere stato colpito con una manata al volto, ha perso l’equilibrio cadendo a terra. Il rapinatore era quindi riuscito a procurarsi la fuga salendo a bordo di uno scooter condotto da un complice.

    L’attività investigativa dei Carabinieri di Viareggio ha permesso di chiarire che il gruppo criminale era composto, oltre ai due autori materiali della rapina, anche da altri soggetti che avevano concorso nel reato. In particolare, uno degli arrestati ha supportato la coppia nell’immediatezza utilizzando una autovettura “d’appoggio” che ha affiancato nei vari passaggi lo scooter e con la quale i soggetti avevano raggiunto Forte dei Marmi provenienti da Napoli e viceversa.

    Gli altri indagati invece hanno fornito “ausilio logistico” ai complici occupandosi rispettivamente del noleggio dell’autovettura e del reperimento e del trasporto in Versilia dello scooter utilizzato per il compimento della rapina. Alcuni componenti del gruppo, a marzo, si era resi autori di un tentato scippo d’orologio a Cannes, in Francia, ai danni di un facoltoso turista russo.

    Nel corso della mattinata il blitz durante il quale sono stati rintracciati tutti gli indagati che sono stati quindi condotti presso il carcere di Poggioreale.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Quali sono le squadre di Serie A più in forma nell’ultimo mese?

    A dominare la classifica generale delle statistiche dell’ultimo mese sono Atalanta e Inter, mentre al terzo posto c’è il Bologna. La Roma entra nella...

    San Giovanni a Teduccio, sorpresi a bordo di un’auto di lusso con una pistola: arrestati

    Nella notte appena trascorsa, gli agenti della Squadra Mobile di Napoli hanno svolto operazioni di controllo in via Luigi Volpicella, nel quartiere di San...

    San Tammaro, sequestrato autocarro con rifiuti pericolosi

    Operazione delle forze dell'ordine nel comune di San Tammaro (CE) ha portato al sequestro di un autocarro Fiat Iveco sospetto di trasporto illegale di...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE