Ad Ariano Irpino detenuti distruggono sezione

SULLO STESSO ARGOMENTO

Ancora tensioni nel carcere di Ariano Irpino . Ieri sera due detenuti si sono rifiutati di rientrare in cella e si sono resi protagonisti di una violenta protesta distruggendo arredi e suppellettili all’interno della quinta sezione della casa circondariale.

Lo denuncia la segretaria regionale del Sappe, Tiziana Guacci. Secondo la ricostruzione del sindacato autonomo, si è reso necessario l’intervento di unità di supporto della Polizia penitenziaria che insieme al direttore del carcere e al comandante degli agenti sono riusciti a sedare la protesta.

“Il carcere irpino – commenta Tiziana Guacci – per la presenza di detenuti di difficile gestione, è una polveriera pronta ad esplodere quotidianamente, anche a causa di strutture fatiscenti e carenze di organico”. Solidarietà agli agenti è stata espressa dal segretario generale del Sappe, Donato Capece.



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui




LEGGI ANCHE

Pietramelara, urta scooter e causa lesioni al conducente: 57enne denunciato

Durante la serata del 19 febbraio, un 57enne di Pietramelara (Caserta) è stato denunciato dai carabinieri per lesioni personali stradali in seguito all'urto laterale...

Minaccia di gettarsi nel vuoto per evitare l’arresto a Sant’Angelo dei Lombardi

Una mattinata movimentata a Sant'Angelo dei Lombardi, in provincia di Avellino, si è conclusa fortunatamente senza conseguenze, quando un uomo di 63 anni ha...

Al Museo-FRaC Baronissi presentazione del libro ‘Poetiche Impertinenze’, di Rossella Nicolò e Giancarlo Cav...

Venerdì 23 febbraio alle ore 18:30, nel Salone della conferenze del Museo-FRaC Baronissi, sarà presentato il libro di Rossella Nicolò e Giancarlo Cavallo POETICHE...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE