Ucraina, elicottero cade su una scuola: 16 morti. Ci sono bambini

SULLO STESSO ARGOMENTO

Almeno 16 persone, tra cui due bambini e il ministro dell’Interno ucraino, Denys Monastyrskyy, sono rimaste uccise nello schianto di un elicottero nei pressi di un asilo a Brovary, vicino a Kiev.

Lo ha riferito la polizia. “Abbiamo informazioni su 16 morti tra cui due bambini”, ha detto la polizia in un comunicato. Anche il ministro dell’Interno, il suo primo vice e un altro alto funzionario a bordo dell’aereo sono rimasti uccisi, si legge nel comunicato.

Secondo quanto riferito dai media ucraini, nove delle vittime erano a bordo del velivolo. In ospedale sono stati portati 22 feriti, tra cui 10 bambini.

    A bordo dell’elicottero schiantatosi questa mattina a Brovary, nella regione di Kiev, erano presenti il ministro dell’Interno ucraino, Denys Monastyrskyi, il suo vice Yevhen Yenin e un sottosegretario. Lo ha confermata il capo della polizia nazionale Ihor Klymenko.

    “Questa mattina, 18 gennaio, un elicottero del Servizio di emergenza statale si e’ schiantato a Brovary. A seguito dell’incidente aereo sono deceduti i vertici del ministero dell’Interno: il ministro, il primo viceministro e il sottosegretario”, ha riferito Klymenko. Secondo il capo della polizia, al momento e’ stata accertata la morte di 16 persone, tra cui 2 bambini, a causa dello schianto del velivolo.

    Di queste, 9 erano a bordo dell’elicottero. “22 persone sono ricoverate in ospedale, di cui dieci sono bambini. Tutti i servizi di soccorso ed emergenza stanno lavorando sul posto. L’ispezione della scena e’ tutt’ora in corso”, ha aggiunto Klymenko.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE