🔴 ULTIME NOTIZIE :

Al via la rassegna Cantina e Cultura da Cantina Verace

Quattro autori per un febbraio da leggere e bere. Tutto pronto per Cantina&Cultura, il format che Cantina Verace (via Antonio Maria De Luca 4, Salerno) si prepara a inaugurare con la mini rassegna che vedrà protagonisti quattro autori salernitani, per proseguire poi con altri appuntamenti letterari, mostre d'arte, di ceramica...

Trovato l’archivio di Matteo Messina Denaro

L’archivio segreto del boss Matteo Messina Denaro era nascosto in un puff scoperto nel terzo […]

Messina denaro ex amante

    L’archivio segreto del boss Matteo Messina Denaro era nascosto in un puff scoperto nel terzo covo.

    Contiene tutta la sua contabilità, agenda, numeri di telefoni, contatti, ma anche gioielli. Resoconti dei suoi spostamenti, dei suoi movimenti. Un colpo importante per gli investigatori che servirà a dare impulso alla caccia dei fiancheggiatori di Matteo Messina Denaro e a tutti coloro che lo hanno aiutato nella lunga latitanza.

    Intanto il Gip Fabio Pilato, accogliendo la richiesta del Pm della Dda di Palermo Piero Padova, ha disposto la custodia cautelare in carcere per Giovanni Luppino, l ‘agricoltore di olive che ha fatto l’autista al boss Matteo Messina Denaro e che è stato arrestato lunedì insieme al capomafia.

    Al momento dell’arresto Giovanni Luppino, l’autista fidato di Matteo Messina Denaro, aveva in tasca, oltre a due telefoni cellulari in modalità aerea, anche dei ‘pizzini’, “una lunghissima serie di biglietti e fogli manoscritti con numeri di telefoni, nominativi e appunti di vario genere, dal contenuto oscuro e di estremo interesse investigativo”.

    A scriverlo,  è il gip di Palermo Fabio Pilato nella ordinanza di custodia cautelare a carico dell’autista del boss appena emessa, 24 ore dopo la convalida dell’arresto del commerciante di olive. Nell’interrogatorio l’uomo ha detto di non sapere che si trattasse del boss Messina Denaro. Ma il gip non gli ha creduto.

    Subito dopo il suo arresto, lunedì mattina, alla clinica Maddalena di Palermo, il boss Matteo Messina Denaro avrebbe detto al suo autista, Giovanni Luppino “E’ finita”. A raccontarlo, come si legge nell’ordinanza di custodia cautelare è lo stesso commerciante di olive finito in carcere con il capomafia.

    Luppino “ha dichiarato di ignorare la vera identità di Messina Denaro – scrive il gip – specificando che, circa sei mesi addietro, il suo idraulico di fiducia, Andrea Bonafede, glielo aveva presentato indicandolo come un suo cognato, di nome Francesco.

    Dopo quel brevissimo incontro, durato appena una manciata di minuti, non lo aveva più visto né incrociato, fino alla mattina del 16.1.2023 quando il tale Francesco, sedicente cognato di Andrea Bonafede, si era presentato all’alba (ore 5,45 del mattino) per chiedergli la cortesia di accompagnarlo a Palermo, dovendo sottoporsi a delle cure mediche in quanto malato di cancro”.

    “Luppino ha concluso le sue dichiarazioni sostenendo di essersi reso conto della vera identità di Messina Denaro soltanto a seguito dell’intervento dei Carabinieri, quando aveva chiesto al tale Francesco se cercassero lui, ottenendo in risposta le testuali parole: ”si, è finita”.

    google news

    IN PRIMO PIANO

    Pubblicita

    Leggi anche

    Tesserificio PD, Ruotolo: “Intervenga Roberti e annulli i congressi di circolo”

    Su quello che è stata etichettata come il tesserificio PD in Campania  è intervenuto l'ex senatore Sandro Ruotolo. “Quello che si sta verificando a Salerno...

    Napoli, blitz anti droga nelle Vele a Scampia

    Un servizio a largo raggio nel quartiere di Scampia per i carabinieri della locale stazione che hanno effettuato una serie di perquisizioni nei lotti...

    Bollette in Campania, Napoli la provincia più costosa per l’energia, Avellino per il gas

     A parità di consumi, secondo l’analisi* di Facile.it, le famiglie residenti in Campania con contratto di fornitura nel mercato tutelato, nel 2022 hanno speso...

    Gollini: “Napoli gruppo unito. Stagione che può valere tanto”

    "Sono felice di essere arrivato al Napoli, mi sento come in famiglia". Così Pierluigi Gollini parla ai microfoni di Radio Kiss Kiss e per...