Ecco la carta Ronaldo che “inguaia la Juventus”

SULLO STESSO ARGOMENTO

“Accordo Premio Integrativo – Scrittura Integrativa”. E’ quanto si legge nella ormai nota “carta Ronaldoche “inguaia la Juventus“, ora agli atti e ritrovata dalla guardia di finanza nello studio dell’avvocato Federico Restano, a Torino, lo scorso 23 marzo 2022. La pubblica il Corriere della Sera.

Juventus, spunta la “carta Ronaldo”

“Egregio Signor Cristiano Ronaldo dos Santos Aveiro”, si legge nella nota, “facciamo seguito alle intese intercorse e uniamo alla presente il documento relativo al premio integrativo riconosciuto a suo favore (Accordo Premio Integrativo) e l’ulteriore scrittura integrativa dell’Accordo Premio Integrativo (“Scrittura integrativa”)”.

Il documento, firmato dall’ex ds della Juve Fabio Paratici (tra gli indagati) deriva, secondo i magistrati, dalla seconda manovra stipendi relativa alla stagione 2020/21, quella rinuncia fittizia dei giocatori alle mensilità finita nel mirino degli inquirenti.

    La “carta Ronaldo” e i 19,6 milioni di euro mai scritti a bilancio

    La nota, che in teoria “non deve esistere”, come rivelato dal capo dell’ufficio legale Cesare Gabasio in un’intercettazione con il ds Federico Cherubini, riguarda l’accordo da 19,6 milioni di euro da pagare a CR7 come debito residuo accumulato prima del suo trasferimento al Manchester United, operazione però mai trascritta a bilancio.

    “Ci impegniamo altresì a consegnarvi entro il 31.07.2021 l’Accordo Premio Integrativo ritrascritto sui moduli federali “Altre Scritture, a oggi non disponibili, e la Scrittura integrativa debitamente sottoscritta”, si legge ancora.

    In un altro allegato si specifica inoltre che “nell’ipotesi in cui, a seguito di suo trasferimento definitivo, la condizione stabilita per la maturazione dei premi individuati (…) non possa verificarsi, Lei avrà diritto a percepire un incentivo all’esodo”.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Al Museo-FRaC Baronissi presentazione del libro ‘Poetiche Impertinenze’, di Rossella Nicolò e Giancarlo Cav...

    Venerdì 23 febbraio alle ore 18:30, nel Salone della conferenze del Museo-FRaC Baronissi, sarà presentato il libro di Rossella Nicolò e Giancarlo Cavallo POETICHE...

    Clan Vanella Grassi: morto in carcere il boss Vincenzo Esposito, detto ‘o Porsche

    Vincenzo Esposito, noto come ‘o Porsche, boss della Vanella Grassi, è morto in carcere a Parma, dove era detenuto da tempo. Secondo fonti investigative,...

    Nola, fatture false: sequestrati circa 8 milion i di euro a società di commercio alcolici

    Stamane i militari del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Napoli hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo emesso dal Giudice...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE