Napoli, 15enne morto dopo il sushi: il ricordo domani a Capodimonte

SULLO STESSO ARGOMENTO

Ha lasciato una traccia indelebile nei cuori di amici e compagni del liceo Pansini di Napoli, Luca Piscopo, il 15enne deceduto un anno fa dopo aver mangiato sushi in un ristorante della città.

Domani, in occasione del primo anniversario della scomparsa, è stata organizzata un’iniziativa nel bosco di Capodimonte, davanti all’albero, un leccio, che venne piantato in sua memoria. L’amore di chi lo ha conosciuto ha fatto sì anche che gli venisse dedicato anche il premio, il “NarrAzione Luca Piscopo” giunto alla quinta edizione.

Particolarmente toccanti sono le parole della lettera che alle 15 di domani, nel corso dell’incontro davanti al “suo” albero, verrà letta da chi gli voleva e gli vuole sempre bene: “la nostra classe senza di te è priva di un punto di riferimento, ed è proprio questo che eri per noi, un’ancora a cui aggrapparci nei momenti di smarrimento.



    Eri l’unico in grado di guidarci ed indirizzarci verso ciò che era più giusto, dispensavi consigli a chiunque ne avesse bisogno, donavi colore anche alle giornate più buie e con il tuo sorriso e i tuoi allegri modi di fare trasmettevi a tutti gioia e leggerezza”, “…tua assenza si fa ancora sentire: in certi giorni più di altri ci sentiamo tristi e scoraggiati…”, e ancora, “abbiamo deciso di avviare diversi progetti in tua memoria; uno di questi è il Premio NarrAzione, che da quest’anno ha preso il tuo nome…

    Una delle tue ambizioni era quella di essere ricordato, ed è ciò che questo tributo aspira a fare: ci auguriamo che questi giovani emergenti nella scrittura e nel disegno realizzeranno i loro elaborati conservando nella mente e nel cuore un piccolo spazio per la tua memoria”.

    Sul fronte delle indagini la Procura di Napoli ha già inviato un avviso di conclusione al titolare del ristorante dove Luca consumò il pasto insieme con alcune amiche che accusarono anche loro i sintomi di una intossicazione, e al medico di base che lo ebbe in cura. Nei confronti di entrambi gli inquirenti hanno ipotizzato il reato di omicidio colposo. A seguire la famiglia in questo doloroso iter giudiziario è l’avvocato Marianna Borrelli.




    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    San Giorgio a Cremano, avevano droga in casa: arrestati due pregiudicati

    Una serata intensa a San Giorgio a Cremano, dove i carabinieri della compagnia di Torre del Greco, supportati dal nucleo cinofili di Sarno, hanno condotto una serie di controlli per individuare attività sospette. Durante l'operazione, due uomini, un 36enne e un 26enne del luogo già noti alle forze dell'ordine, sono stati arrestati per traffico di droga. Nel corso della perquisizione nell'abitazione del 36enne, sono stati scoperti 63 grammi di cocaina e 2 bilancini di precisione, nascosti...

    Castellammare, scoperto arsenale da guerra al rione Moscarella

    Armi da guerra trovate sopra un tetto di un garage, all'interno di una borsa sportiva: le hanno scoperte i carabinieri intorno ai palazzi del quartiere Moscarella di Castellammare di Stabia, tra i quali spiccano gli edifici popolari del lotto 4, situati al centro di un triangolo scaleno delimitato da due strade statali e viale della Repubblica. L'operazione è stata portata a termine dai carabinieri della sezione operativa stabiese. Nascosto tra l'erba alta, l'edera e i...

    Maltempo in Campania: estesa di 24 ore l’allerta meteo

    La Protezione Civile della Campania ha deciso di prorogare l'allerta meteo per ulteriori 24 ore, estendendo la copertura a tutta la regione. Si prevedono piogge e temporali che potrebbero essere intensi sull'intero territorio campano, con rischio di fulmini, grandine e raffiche di vento. La situazione idrogeologica potrebbe causare allagamenti, esondazioni e frane, quindi è importante attuare tutte le misure necessarie per prevenire tali eventi. Si consiglia alle autorità di attivare i Centri Operativi Comunali e di seguire...

    Napoli, figlia e sorelle del boss nelle case popolari del rione Amicizia. I nomi dei 16 indagati

    La Procura di Napoli ha indagato 16 persone per l'occupazione abusiva di case popolari nel Rione Amicizia a Napoli. Tra gli indagati ci sono...

    Napoli, gli affari di Michele Scognamiglio il “guru” del riciclaggio internazionale

    Il mago del riciclaggio, il napoletano Michele Scognamiglio aveva messo in piedi una  centrale capace di ripulire ben 2,6 miliardi di euro in cinque...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE