Francesco Di Leva di scena al Mascheranova con Muhammad Ali

SULLO STESSO ARGOMENTO

Francesco Di Leva di scena al Mascheranova con Muhammad Ali. Sabato 10 dicembre, alle ore 20.30, al Teatro Mascheranova di Pontecagnano – Faiano.

L’ispirazione nasce concretamente dal corpo di Muhammad Ali, un corpo allenato, messo in gioco, sfidato, osannato, osservato, acclamato; un corpo astuto che sa come attutire un colpo, un corpo pronto, forte, nero, in ebollizione. Un corpo che fa delle differenze una forza, un vanto, una battaglia.

Un attore e un regista, traendo ispirazione dal corpo dell’indimenticabile pugile, metafora della forza che supera ogni limite, si confrontano, sotto gli occhi del pubblico, con il senso dell’impossibile e della sfida.



    E’ questa la sinossi dello spettacolo MUHAMMAD ALI, in programmazione, fuori abbonamento, sabato 10 dicembre, alle ore 20.30, al Teatro Mascheranova di Pontecagnano – Faiano (Sa). Scritto da Pino Carbone (che firma anche la regia) e Francesco Di Leva (che indosserà i panni del più grande pugile della storia), lo spettacolo che vedrà i due come unici protagonisti in scena è prodotto da NEST Napoli Est Teatro.

    “Impossibile è solo una parola pronunciata da piccoli uomini che trovano più facile vivere nel mondo che gli è stato dato, piuttosto che cercare di cambiarlo. Impossibile non è un dato di fatto, è un’opinione. Impossibile non è una regola, è una sfida. Impossibile non è uguale per tutti. Impossibile non è per sempre”, e partendo da questa frase celebre di Ali che “Abbiamo pensato che incontrare Muhammad Ali, sarebbe stata la nostra prima sfida, il nostro primo desiderio.

    Far avvenire questo incontro in uno spazio, in scena, con il pubblico che ci guarda, con le luci che ci illuminano. – ha raccontato Pino Carbone – Un incontro da costruire, da immaginare come momento meraviglioso, perché impossibile.

    In scena proviamo a rincorrerlo, a rincorrere il suo personaggio, la sua importanza, le sue parole irriverenti, veloci, in rima, pesanti, leggere, fondamentali. Rincorrere la sua vita, il suo carisma, la sua sicurezza. Rincorrere la sua velocità con la nostra velocità, la sua forza con la nostra forza, la sua infantilità con il nostro essere bambini, la sua icona con la nostra volontà. Rincorrerlo per affrontarlo, affrontare ogni suo aspetto: quello sportivo, politico, privato”.

    La drammaturgia è di Linda Dalisi, le scene sono di Mimmo Paladino, i costumi di Ursula Patzak, le musiche di Marco Messina e Sacha Ricci, le luci di Cesare Accetta.

    I biglietti per assistere allo spettacolo si possono acquistare presso il botteghino del Teatro Mascheranova di Pontecagnano, oppure online su postoriservato.it. Il costo è di euro 15. Per info e prenotazioni 340 835 4657 | 331 228 8792


    Torna alla Home

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui


    Quattro persone sono state arrestate dalla polizia in relazione agli scontri avvenuti tra tifosi e agenti di Polizia fuori dallo stadio Arechi di Salerno. I disordini hanno avuto luogo domenica scorsa nel pomeriggio, prima della partita tra Salernitana e Fiorentina. Durante lo scontro, protrattosi per circa mezz'ora, i sostenitori...
    Nino Simeone, consigliere comunale di Napoli e presidente della commissione infrastrutture, ha dichiarato durante la trasmissione "Si Gonfia la Rete" su Radio Crc: "Attualmente stiamo discutendo con De Laurentiis e il ministro delle infrastrutture riguardo ai progetti per gli Europei". "Il Comune di Napoli desidera riqualificare lo stadio Maradona, mentre...
    Dal prossimo 3 maggio da Roma riprende il tour letterario dello studioso Massimo Gerardo Carrese con due suoi libri, il saggio di fantasiologia Il grande libro della fantasia, edito da il Saggiatore, e SpuntiSunti, un libro di narrativa sgrammaticata uscito per déclic. Appuntamenti a Perugia, Napoli, Castellammare di Stabia, Benevento,...
    Il suo ultimo lavoro riflette la dualità dell’uomo nella società moderna, attraverso la figura del clown, e quanto siamo estranei a noi stessi. La figura a metà di un clown che si completa soltanto riflettendo la propria immagine in uno specchio, porta ad esplorare la dualità che è insita nell’uomo,...

    IN PRIMO PIANO