Il Comune di Napoli accoglie detenuti per lavori pubblica utilità

SULLO STESSO ARGOMENTO

Convenzione tra il Comune di Napoli, il Tribunale di Napoli e l’Ufficio Interdistrettuale di Esecuzione Penale Esterna Campania (UEPE) per far svolgere lavori di pubblica utilita’ presso gli uffici dell’amministrazione comunale e delle dieci Municipalita’ a condannati e ammessi alla prova.

Secondo il protocollo l’amministrazione potra’ accogliere fino a un massimo di 50 persone. ”E’ stato un lavoro congiunto fatto in questi mesi tra Comune e Tribunale per dare un’opportunita’ a chi e’ stato condannato ed e’ in una fase di reinserimento nella societa’ – ha detto il sindaco, Gaetano Manfredi – grazie a questo accordo l’amministrazione comunale potra’ essere utilizzata come luogo in cui queste persone possono riscattarsi e rientrare a pieno titolo nella collettivita’. Ritengo che sia un atto di grande civilta’ e il Comune e’ in prima linea in questo processo di reinserimento”.

L’espiazione della pena attraverso l’espletamento di lavori di pubblica utilita’ e’ finalizzata alla realizzazione del fine principale della sanzione: il recupero del condannato e il suo reinserimento nella societa’ civile. Negli ultimi anni, il legislatore ha ampliato l’ambito di applicazione della pena del lavoro di pubblica utilita’ a numerose e diverse fattispecie penali che hanno configurato il lavoro di pubblica utilita’ come una modalita’ di riparazione del danno collegata all’esecuzione di diverse sanzioni e misure penali che vengono eseguite nella comunita’.

    ”Sono veramente molto contenta che il protocollo sia tra due istituzioni del territorio cosi’ significative – ha sottolineato Elisabetta Garzo, presidente del Tribunale di Napoli – questa iniziativa rappresenta ancora una volta un punto di incontro, una sinergia e mi auguro che nel futuro questo possa fruire dei buoni risultati a favore di persone che sono incorse in difficolta’, in problematiche con la giustizia penale ma che hanno assolutamente il diritto di riscattarsi”.

    In base alla convenzione sottoscritta, il Comune avra’ la possibilita’ di accogliere presso i propri uffici, che daranno disponibilita’, i condannati e gli ammessi alla prova per l’espletamento di lavori di pubblica utilita’. L’amministrazione comunale inoltre avra’ la possibilita’ di avvalersi di soggetti del Terzo settore per l’accoglienza a titolo gratuito di condannati e imputati per lo svolgimento di lavori di pubblica utilita’ a seguito della stipula di un’apposita convenzione.

    ”L’applicazione della convenzione ha un grande valore non solo per la persona che presta l’attivita’ lavorativa ma anche per la comunita’ – ha evidenziato l’assessore al Welfare, Luca Trapanese – e rappresenta un importante strumento finalizzato a ridurre il ricorso alla pena carceraria e per offrire ai detenuti la concreta possibilita’ di responsabilizzarsi e risocializzarsi”. Alla firma era presente anche Claudia Nannola, dirigente dell’UEPE.


    Torna alla Home

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui


    Il video della violenta aggressione ad Antonio Morra e il pugno che gli ha causato la morte

    Le immagini riprese dalle telecamere di sorveglianza del Mandela Forum la sera di giovedì sono chiare: una discussione,  un pugno e una caduta dalle scale. Così ha perso la vita Antonio Morra, 47 anni, originario di Napoli ma residente a Pistoia: è stato aggredito dopo il concerto dei Subsonica...

    Sciame sismico anche sul Vesuvio, scossa in serata di magnitudo 2.1

    Una domenica bestiale: e non è certo quella cantata anni fa da Fabio Concato. E' quella che hanno vissuto tutti i cittadini dei comuni dei Campi Flegrei e di buona parte della città di Napoli. Poi nei pomeriggio ci si è messo anche il Vesuvio. Perché anche l'area del Vesuvio...

    Nisida, rimossi gli ormeggi abusivi dai fondali

    “Ringrazio la Capitaneria di Porto e l’Autorità di sistema portuale di Napoli per aver coordinato sabato mattina un intervento importante sul litorale di Nisida grazie al quale sono stati rimossi dai fondali diversi ‘corpi morti’ utilizzati dagli ormeggiatori abusivi per ancorare le barche dei loro clienti. Grazie a questa...

    Scampia, droga nascosta nel tubo: arrestato 19enne

    Nel pomeriggio di ieri, durante un servizio di controllo del territorio a Scampia, gli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico hanno osservato due uomini vicino ai porticati di un edificio in via Annamaria Ortese. I due hanno estratto qualcosa da un tubo cementato nell’asfalto e l'hanno scambiata con una...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE