Varcaturo, non paga il conto al ristorante e minaccia con un coltello il proprietario: arrestato

SULLO STESSO ARGOMENTO

Ieri pomeriggio gli agenti del Commissariato Giugliano-Villaricca, durante il servizio di controllo del territorio, su disposizione della Centrale Operativa, sono intervenuti presso un lido balneare in via Marina di Varcaturo a Giugliano in Campania per la segnalazione di una lite.

I poliziotti, giunti sul posto, sono stati avvicinati dal titolare della struttura il quale ha raccontato che, poco prima, un cliente aveva consumato un pasto insieme alla famiglia presso il ristorante dello stabilimento per poi tornare sulla spiaggia senza pagare il conto; in quei frangenti, il gestore ha chiesto spiegazioni all’uomo che, dopo aver inveito contro di lui, lo ha minacciato di morte con un coltello affermando di appartenere a sodalizi criminali attivi nella zona.

Gli operatori hanno individuato l’aggressore che è stato, non senza difficoltà, bloccato e trovato in possesso di un coltello a serramanico con la lama della lunghezza di 10 cm.

    A.M., 44enne napoletano con precedenti di polizia, è stato arrestato per tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso, minacce, resistenza a Pubblico Ufficiale e porto di armi od oggetti atti ad offendere.



    Torna alla Home

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    telegram

    LIVE NEWS

    NAPOLI, la Procura indaga tre medici per la morte, al Monaldi, del neonato venuto alla luce alla clinica Villa Stabia

    Napoli. Un neonato di soli tre giorni è morto all'ospedale Monaldi di Napoli dopo aver contratto un'infezione batterica. I genitori, sconvolti dalla tragedia, hanno presentato una denuncia e la Procura di Napoli ha aperto un'indagine per omicidio colposo in ambito sanitario. Tre medici sono stati iscritti nel registro degli...

    Clan Contini 180 anni di carcere per i 12 imputati dell’operazione “Cartagena”

    Napoli. Dopo l'annullamento della Cassazione, il processo d'appello per i ras e l'ala imprenditoriale del clan Contini si conclude con una serie di "sconti" di pena e condanne complessive per oltre 180 anni di carcere. La Corte d'appello di Napoli ha rideterminato quasi tutte le condanne precedenti, con alcuni casi...

    CRONACA NAPOLI