Padre e figlio uccisi e chiusi in sacchi di plastica

SULLO STESSO ARGOMENTO

Padre e figlio uccisi, corpi chiusi in sacchi plastica.

E’ stata un vera e propria esecuzione: un colpo di pistola alla nuca, per entrambi, e poi chiusi in sacchi di plastica, nascosti sotto decine di tubi di gomma usati per irrigare i campi.

Le vittime  sono Gerardo Cirillo, 58 anni, e di suo figlio 27enne Pasquale Davide, ammazzati nelle campagne del Foggiano. I loro corpi erano vicino a un casolare abbandonato tra Cerignola e Manfredonia, sulla terra spaccata dal sole.

    La stessa che da cinque mesi avevano affittato per lavorare come agricoltori. Le loro tracce si erano perse la scorsa notte quando i familiari ne hanno denunciato la scomparsa.

    E questa mattina le ricerche sono partite proprio dove lavoravano: e’ qui che gli investigatori hanno trovato prima il corpo del 27enne e poi, verso le ore 10, a un centinaio di metri di distanza, quello di suo padre.

    Per srotolare la matassa di vecchi tubi, e riuscire a estrarre i due cadaveri, e’ stato necessario l’intervento dei Vigili del fuoco. Sulla vicenda gli investigatori mantengono il massimo riserbo.

    “Sembra”, ci tengono pero’ a precisare, che la criminalita’ non c’entri nulla. Il primo pensiero, con un duplice omicidio in questo territorio, corre presto alla cosiddetta ‘Societa’ foggiana’, la mafia locale nota per la sua ferocia.

    Chi e’ rimasto in citta’, nell’ultima domenica di luglio, e’ sicuro che si tratti di un regolamento di conti pet uno sgarro nel mondo della droga.

    • Il 58enne aveva precedenti penali per droga, ma questo non avrebbe a che fare con il duplice omicidio: fu arrestato il 15 settembre del 2014 perche’ in una mansarda nella sua disponibilita’ furono trovati 230 grammi di cocaina. Incensurato suo figlio.Le indagini sono affidate alla Squadra mobile, coordinata dalla Procura di Foggia. L’attenzione degli inquirenti si sta concentrando sulla vita privata delle vittime. Parenti e conoscenti potrebbero essere la chiave per risalire al motivo e ai responsabili della morte dei due uomini. E per questo la Polizia sta ascoltando chiunque abbia avuto rapporti con loro.

    Torna alla Home

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui


    Il video della violenta aggressione ad Antonio Morra e il pugno che gli ha causato la morte

    Le immagini riprese dalle telecamere di sorveglianza del Mandela Forum la sera di giovedì sono chiare: una discussione,  un pugno e una caduta dalle scale. Così ha perso la vita Antonio Morra, 47 anni, originario di Napoli ma residente a Pistoia: è stato aggredito dopo il concerto dei Subsonica...

    Sciame sismico anche sul Vesuvio, scossa in serata di magnitudo 2.1

    Una domenica bestiale: e non è certo quella cantata anni fa da Fabio Concato. E' quella che hanno vissuto tutti i cittadini dei comuni dei Campi Flegrei e di buona parte della città di Napoli. Poi nei pomeriggio ci si è messo anche il Vesuvio. Perché anche l'area del Vesuvio...

    Nisida, rimossi gli ormeggi abusivi dai fondali

    “Ringrazio la Capitaneria di Porto e l’Autorità di sistema portuale di Napoli per aver coordinato sabato mattina un intervento importante sul litorale di Nisida grazie al quale sono stati rimossi dai fondali diversi ‘corpi morti’ utilizzati dagli ormeggiatori abusivi per ancorare le barche dei loro clienti. Grazie a questa...

    Scampia, droga nascosta nel tubo: arrestato 19enne

    Nel pomeriggio di ieri, durante un servizio di controllo del territorio a Scampia, gli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico hanno osservato due uomini vicino ai porticati di un edificio in via Annamaria Ortese. I due hanno estratto qualcosa da un tubo cementato nell’asfalto e l'hanno scambiata con una...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE