Frattamaggiore, è in coma a Bari il giovane dato alle fiamme mentre era in videochiamata con la fidanzata

SULLO STESSO ARGOMENTO

Frattamaggiore. Nicola Lupoli si trova ricoverato al Policlinico di Bari in coma farmacologico.

Ieri è stato dato alle fiamme mentre era in videochiamata con la fidanzata che abita a Casoria. E’ stato cosparso di liquido infiammabile e poi dato alle fiamme mentre, seduto su una panchina, stava videochiamando la sua fidanzata. I suoi aggressori hanno agito di spalle mentre lui era assorto a parlare con la ragazza.

E’ accaduto a Frattamaggiore, in viale Tiziano, Nicola Lupoli, di 36 anni, che di mestiere fa lo svuota cantine insieme con il fratello, e’ stato avvolto in pochi istanti dalle fiamme: il fratello arrivato sul posto, lo ha portato all’ospedale di Frattamaggiore.

    Per lui ustioni sul corpo e condizioni molto gravi. E’ stato trasferito al centro grandi ustionati del Cardarelli e poi al Policlinico di Bari; per lui prognosi riservata e coma farmacologico.

    La videochiamata in corso con la fidanzata – particolare riferito dal Mattino – potrebbe forse aiutare a risalire agli autori del raid. La donna ha spiegato che mentre era in corso il colloquio e’ comparsa dal buio della notte un’ombra, che ha gettato il liquido sull’uomo e poi ha acceso il fuoco con un accendino.

    Indagini sul movente. L’uomo lavora come ‘svuota cantine’. Il raid potrebbe essere la conseguenza di qualche lite dei giorni precedenti, ma non si esclude alcuna pista, come quella legata al racket delle case popolari.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE