Detenuto sfascia la cella perché vuole parlare col magistrato

SULLO STESSO ARGOMENTO

Detenuto sfascia la cella perché vuole parlare col magistrato che segue il suo caso. La clamorosa protesta nel carcere di Santa Maria Capua Vetere.

Momenti di tensione e di paura la scorsa notte nel carcere di Santa Maria Capua Vetere, già teatro di clamorose rivolte ma anche delle incresciose violenze ai danni dei detenuti che nei giorni scorsi ha portato a processo oltre 100 dipendenti tra agenti e amministrazione penitenziaria.

Un detenuto  ha iniziato a sfasciare la cella e poi ha scardinato la porta blindata per ottenere un colloquio in piena notte con il magistrato che ha in carico la sua posizione. Dell’episodio – avvenuto nel Reparto Tevere – riferisce in una nota Donato Capece, segretario generale del sindacato autonomo di polizia penitenziaria Sappe.

    “Tempestivo – sottolinea Capece – e’ stato l’intervento dell’Ispettore coordinatore della Sorveglianza Generale dell’Istituto, che ha prima di tutto cercato di tranquillizzare il detenuto e ha poi sentito il direttore del carcere sulla protesta in atto. E’ stato disposto di fare una videochiamata al pm di turno, che pero’ nulla poteva sulla situazione del detenuto essendo questa di competenza di altra autorita’ giudiziaria. La situazione e’ poi tornata alla normalita’ grazie alla professionalita’ ed all’attenzione della Polizia Penitenziaria”

    “E’ del tutto evidente – prosegue Capece – che non si puo’ continuare a lavorare cosi’, specie in un carcere come quello di S. Maria Capua Vetere nel quale i vertici – direttore e comandante del reparto di polizia – non sono titolari e quindi in presenza fissa ma provvisori…”.

    Per Capece, “la situazione delle carceri italiane, per adulti e minori, e’ sempre piu’ allarmante, per il continuo ripetersi di gravi episodi critici e violenti che vedono sempre piu’ coinvolti gli uomini e le donne appartenenti al Corpo di Polizia Penitenziaria. Donne e uomini che svolgono servizio nelle sezioni detentive senza alcuno strumento utile a garantire la loro incolumita’ fisica dalle continue aggressioni dei detenuti piu’ violenti”.

    Il Sappe “e’ pronto a scendere in piazza, a settembre, per sottolineare quanto e come sia importante e urgente prevedere un nuovo modello custodiale. E’ grave che la recrudescenza degli eventi critici in carcere si e’ concretizzata quando sempre piu’ carceri hanno introdotto la vigilanza dinamica ed il regime penitenziario ‘aperto’, ossia con i detenuti piu’ ore al giorno liberi di girare per le Sezioni detentive con controlli sporadici ed occasionali della Polizia Penitenziaria.

    Per abbattere l’apatia e l’ozio nelle celle, invece, i detenuti dovrebbero essere messi nelle condizioni di lavorare, anche a favore delle comunita’ territoriali con impieghi in attivita’ socialmente utili. E se i vertici del Ministero della Giustizia e del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria non sono in grado di trovare soluzioni alla gravissima situazione delle carceri italiane ed alla tutela degli appartenenti al Corpo di Polizia Penitenziaria devono avere la dignita’ di dimettersi”.




    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui



    LEGGI ANCHE

    Il Barcellona perde De Jong e Pedri per infortunio: saltano il Napoli in Champions

    I centrocampisti del Barcellona, Frenkie De Jong e Pedri, si vedranno costretti a saltare la partita di ritorno degli ottavi di finale di Champions League contro il Napoli, programmata per il prossimo martedì 12 marzo. La notizia è stata annunciata dal club blaugrana attraverso un comunicato ufficiale pubblicato sul proprio sito web, nel quale sono stati resi noti i risultati degli esami diagnostici effettuati sugli atleti, entrambi vittime di infortuni durante l'ultima sfida contro...

    Napoli, ancora mercatini della monnezza a Piazza Garibaldi

    Anche ieri Piazza Garibaldi è stata invasa dai mercatini della monnezza, nonostante la presenza della Polizia Municipale. Questo fenomeno ormai tradizionale ha continuato a verificarsi, suscitando preoccupazione tra i residenti e le autorità locali. L'automobilista che ha segnalato la presenza degli abusivi al deputato dell’alleanza Verdi-Sinistra Francesco Emilio Borrelli ha evidenziato come l'illegalità e il degrado stiano crescendo costantemente, portando la situazione verso un punto critico. Il deputato ha dichiarato che è necessario un intervento deciso e...

    Massa Lubrense, dichiarazione infedele: sequestro beni al titolare della “Fattoria Marecoccola”

    Il Gruppo della Guardia di Finanza di Torre Annunziata ha eseguito un decreto di sequestro preventivo relativo a un'imprenditore indagato per dichiarazione infedele. Il sequestro, di 142.135 euro, è stato emesso dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Torre Annunziata su richiesta della Procura della Repubblica. L'imprenditore in questione è il titolare della ditta "Fattoria Marecoccola" con sede a Sorrento. Il sequestro è scaturito da verifiche fiscali condotte dalla Guardia di Finanza di Massa...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE