Bruciato vivo a Frattamaggiore, Nicola Liguori ascoltato in ospedale a Bari

SULLO STESSO ARGOMENTO

Frattamaggiore. Secondo la Procura di Napoli Nord, ha avuto “esito positivo”, l’incidente probatorio iniziato alle 14 nel Policlinico di Bari dove e’ ricoverato Nicola Liguori, l’uomo dato alle fiamme la notte dello scorso 30 giugno mentre, su una panchina di Frattamaggiore, era intento a videochiamare la fidanzata, Giuseppina Mosca, teste chiave dell’indagine.

Secondo quanto si e’ appreso, Liguori con voce strozzata, ha risposto alle domande che gli venivano rivolte dal giudice per le indagini preliminari di Bari, alla presenza del pubblico ministero di NAPOLI Nord Alberto Della Valle, di Pasquale Pezzella, colui che viene accusato di essere l’autore del gesto e dell’avvocato Fernando Pellino, legale dell’indagato.

Le dichiarazioni rese dalla vittima sono state registrate e verranno trascritte per essere allegate al fascicolo d’indagine. Ad accusare Pezzella sono il fratello e la madre di Liguori, che hanno raccolto le sue parole prima che venisse soccorso dai sanitari, ma soprattutto la sua fidanzata con la quale Nicola era al telefono al momento dell’aggressione.

    La donna, infatti, ha riconosciuto in Pezzella la persona che ha visto, durante la video-chiamata, aggredire il fidanzato alle spalle. Ma secondo il legale dell’accusato, la ricostruzione della donna sarebbe fuorviante in quanto l’aggressore viene descritto imberbe mentre Pezzella da anni porta “pizzetto” e baffi.

    Sui particolari dell’incidente probatorio riguardante Nicola Liguori (il secondo dopo quello dello scorso 18 luglio che ha visto protagonisti la madre e il fratello della vittima), si mantiene uno stretto riserbo, ma secondo il legale dell’indagato Liguori, oltre al nome di battesimo (Pasquale, ndr) non avrebbe fornito ulteriori elementi tali da indicare inequivocabilmente Pezzella quale suo aggressore.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    La camorra spara a Pomigliano e Torre Annunziata: bossoli in strada

    La provincia di Napoli è stata scossa da due sparatorie nella serata di ieri. I carabinieri sono intervenuti in due città diverse dopo la...

    Voto e studenti fuori sede: accordo in Parlamento per le elezioni europee

    E’ stato approvato oggi, in commissione Affari costituzionali al Senato, l’emendamento al disegno di legge in materia di elezioni che prevede il riconoscimento del...

    Protesta dei dipendenti del Castello delle Cerimonie. Il sindaco: “Salvaguardare i lavoratori”

    I lavoratori del Grand Hotel La Sonrisa, conosciuto come il Castello delle Cerimonie, hanno marciato in corteo per protestare contro la confisca dell'albergo. Il sindaco...

    Clan Vanella Grassi: morto in carcere il boss Vincenzo Esposito, detto ‘o Porsche

    Vincenzo Esposito, noto come ‘o Porsche, boss della Vanella Grassi, è morto in carcere a Parma, dove era detenuto da tempo. Secondo fonti investigative,...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE