Airola, detenuto si ferisce in carcere: salvato dagli agenti

SULLO STESSO ARGOMENTO

Airola, detenuto si ferisce in carcere: salvato dagli agenti. Sindacalisti: “Troppe criticità, ormai il livello è allarmante”.

Un detenuto albanese, che pretendeva di cambiare cella e che si era già reso protagonista di episodi analoghi, si è procurato delle ferite sul corpo e solo l’intervento degli agenti della Polizia Penitenziaria ha evitato conseguenze peggiori.

A rendere noto l’accaduto, avvenuto nell’istituto minorile di Airola (Benevento) èè’, attraverso una nota, il vice coordinatore regionale del settore minorile del SAPPE Sabatino De Rosa.

    “Quel che è successo ieri conferma quel che avevamo detto per spiegare la nostra scelta di disertare la Cerimonia regionale della Polizia Penitenziaria di Secondigliano: per la Polizia Penitenziaria non c’è nulla da festeggiare e la situazione delle carceri per minori sta tornando a livelli allarmanti senza vedere gli auspicati provvedimenti correttivi”, ha detto ancora De Rosa che chiede: “cosa si aspetta ad assumere quei provvedimenti urgenti e non piu’ rinviabili per l’IPM di Airola?”.

    “La consistente presenza di detenuti con problemi psichiatrici – denuncia Donato Capece, segretario generale del SAPPE – è causa da tempo di gravi criticità per quanto attiene l’ordine e la sicurezza delle carceri del Paese. Il personale di Polizia Penitenziaria è stremato dai logoranti ritmi di lavoro a causa delle violente e continue aggressioni”.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Carcere di Santa Maria Capua Vetere: la Cgil denuncia gravi criticità

    Una delegazione della Cgil ha visitato ieri il carcere di Santa Maria Capua Vetere, evidenziando una serie di criticità che necessitano di un'attenzione immediata. Mancanza...

    Bolgia alla stazione dei Campi Flegrei dopo Napoli-Barcellona: ressa e svenimenti di bambini

    Tifosi infuriati e Borrelli denuncia inefficienza e disorganizzazione

    Napoli, il procuratore capo Gratteri visita il Centro Operativo della Direzione Investigativa Antimafia 

    Nel pomeriggio di ieri, il Procuratore della Repubblica di Napoli, dott. Nicola Gratteri, si è recato in visita alla sede del locale Centro Operativo...

    Clan Vanella Grassi: morto in carcere il boss Vincenzo Esposito, detto ‘o Porsche

    Vincenzo Esposito, noto come ‘o Porsche, boss della Vanella Grassi, è morto in carcere a Parma, dove era detenuto da tempo. Secondo fonti investigative,...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE