HomeCronacaCronaca di NapoliCosimo Di Lauro, l'inchiesta sull'arresto cardiaco e sui farmaci che assumeva

Cosimo Di Lauro, l’inchiesta sull’arresto cardiaco e sui farmaci che assumeva

Il boss fumava cinque pacchetti di sigarette al giorno, che avevano reso i suoi denti neri come il carbone e poi di notte "ululava"
google news

In attesa dell’autopsia che dovrà chiarire le cause della morte del boss Cosimo Di Lauro emergono particolari sulle sue condizioni di salute e di detenuto.

Intanto fumava cinque pacchetti di sigarette al giorno, che avevano reso i suoi denti neri come il carbone e poi di notte “ululava”, rendendo difficile il sono anche agli altri detenuti. Non solo perché l’arresto cardiaco che ha colpito il boss gli inquirenti non escludono sia stato scatenato da condizioni fisiche particolari.

La procura di Milano per la morte del boss Cosimo Di Lauro, deceduto ieri mattina alle 7.10 nel carcere di Opera a 48 anni, ha aperto un fascicolo per il reato di omicidio colposo. Il corpo non presentava evidenti segni di violenza e nella sua cella non sono stati trovati elementi che possano far pensare a una causa di decesso diversa dalla morte naturale.

Il pm Roberto Fontana, comunque, ha disposto l’autopsia e una consulenza medico-legale e tossicologia per chiarire anche le condizioni del detenuto prima del decesso. In particolare, Fontana ha chiesto documentazione sanitaria: quali farmaci assumeva, da quanto tempo, gli effetti collaterali di queste medicine, la cartella clinica.

La Procura, inoltre, cerchera’ di comprendere anche se c’erano o meno le condizioni per una perizia psichiatrica cosi’ come sollecitata negli anni dagli avvocati difensori di Di Lauro. Nelle prossime ore, inoltre, dovrebbe arrivare la decisione della questura di Napoli riguardo i funerali, ma quasi certamente sara’ in forma privata al cimitero nel quartiere di Secondigliano.

Cosimo Di Lauro  e’ stato trovato esanime, supino sul letto della sua cella, dove trascorreva gran parte della giornata, privandosi anche dell’igiene personale. Nessun segno di violenza riconducibile al suicidio e’ stato riscontrato sul cadavere.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Cosimo Di Lauro, l’ avvocato:”Sembrava un pazzo”. Inchiesta sulla morte

Ieri, pero’, dopo la notizia della sua morte, e’ serpeggiata anche l’ipotesi che si fosse tolto la vita, una voce che non ha trovato finora alcun appiglio. Per i suoi avvocati, gia’ dal 2008 Cosimo Di Lauro era incapace di sostenere i processi, contrariamente a quanto invece sostenevano gli inquirenti.

L’ultima visita dei legali risale al giugno del 2019: gli avvocati si recarono nel carcere di Opera per incontrarlo dopo avere ricevuto una lettera nella quale pero’ non aveva scritto neppure una parola.

Quando gli avvocati gli chiesero il perche’ di quel suo gesto lui rispose, ancora una volta, con frasi farneticanti, prima di congedarsi, repentinamente, per – disse ai professionisti attoniti – “una riunione importante con alcuni imprenditori che doveva sostenere nella veste di capo di un mondo parallelo”.

Giuseppe Del Gaudio
Giuseppe Del Gaudiohttps://www.cronachedellacampania.it
Giuseppe Del Gaudio, giornalista professionista dal 1991. Amante del cinema d'azione, sport e della cultura Sud Americana. Il suo motto: "lavorare fa bene, il non lavoro: stanca"

La Newsletter di Cronache

Ogni giorno nella tua mail le ultime notizie

google news
spot_img

Leggi anche

Oroscopo oggi, previsioni segno per segno. Bilancia fortunati oggi

L'oroscopo oggi. Il segno fortunato del 5 luglio è quello della Bilancia   Ariete Pappa e ciccia con il partner, il weekend concluso solo ieri mattina all’alba...

Allarme De Luca: “Centinaia medici positivi a Covid, problemi negli ospedali”

"Il personale sanitario è in buona parte positivo al Covid. Quindi manca la presenza dei medici negli ospedali già oggi. Abbiamo centinaia di positivi"....

Capri, recuperata la salma del turista americano scomparso

Sono durate quasi 10 ore a Capri le operazioni di recupero del corpo senza vita del turista americano Adam Gabriel Kreysar. Era arrivato sabato...

Napoli, Cirica (Ospedale Betania): “Basta aggressioni nei Pronto Soccorso, serve monitoraggio”

“Le aggressioni al personale del nostro Pronto Soccorso, come a quelli di altri presidi dell’area metropolitana di Napoli non si contano più. C’è un’escalation...

CRONACHE TV

spot_img

IN PRIMO PIANO

Pubblicita