HomeLavoroCaserta, addetti Softlab in corteo di protesta

Caserta, addetti Softlab in corteo di protesta

google news
caserta addetti softlab
foto archivio

Caserta. I lavoratori delle sedi di Caserta e Marcianise della societa’ Softlab Tech hanno scioperato e manifestato con un corteo per le vie di Caserta, organizzando un presidio prima davanti alla Prefettura, e poi all’esterno della sede di Confindustria.

La giornata di mobilitazione era stata proclamata dai sindacati dei metalmeccanici per protestare contro il ritardo sull’erogazione degli emolumenti di maggio, ma anche per ribadire il disagio dei lavoratori Softlab, di cui un cospicuo numero e’ sottoposto a cassa integrazione a zero ore, e il rispetto degli accordi di reindustrializzazione, di cui la Softlab e’ parte fondamentale, avendo assunto negli ultimi anni quasi 300 lavoratori fuoriusciti dalla Jabil, multinazionale dell’elettronica con sito produttivo a Marcianise.

I sindacati hanno piu’ volte denunciato come i lavoratori licenziati da Jabil e riassunti in Softlab, spesso grazie ad incentivi in denaro dati a quest’ultima, stiano sostanzialmente inutilizzati. Oggi una delegazione composta da rappresentanti dei sindacati dei metalmeccanici Fim-Cisl, Fiom-Cgil, e Uilm Caserta e Campania, e delle Rsu, e’ stata ricevuta dal Capo di Gabinetto della prefettura di Caserta Biagio Del Prete.

A manifestare anche i lavoratori ex Jabil che erano stati assunti dall’azienda sarda Orefice e poi licenziati. In una nota, i sindacalisti dei metalmeccanici Massimiliano Guglielmi e Francesco Percuoco, rispettivamente segretario campano e casertano della Fiom-Cgil, spiegano di aver “chiesto alla Prefettura di attivarsi affinche’ la Direzione Softlab Tech garantisca la normale corresponsione delle retribuzioni e versi tutti gli arretrati contributivi in materia di previdenza.

Abbiamo, inoltre, espresso tutte le preoccupazioni che riguardano i diversi accordi di reindustrializzazione sottoscritti in questi anni, nella sola provincia di Caserta e riguardanti un perimetro occupazionale che coinvolge almeno 1500 lavoratori diretti. In particolare l’ultimo insediamento dell’elettronica/tlc in provincia di Caserta, con Jabil Circuit Italia “capofila”, rischia di scomparire definitivamente.

Assistiamo alla nascita nelle sedi istituzionali nazionali e regionali di “accordi vari” che, per effetto delle ingenti risorse legate al PNRR dovrebbero tutelare l’occupazione e dare nuovo slancio produttivo al settore metalmeccanico del territorio. Ad oggi, questi accordi hanno prodotto, nella migliore delle ipotesi, soltanto ulteriori ammortizzatori sociali. Nel caso peggiore (reindustrializzazione Orefice), i lavoratori sono stati addirittura licenziati. Ora non e’ piu’ rinviabile un confronto continuo e costante con il Ministero dello Sviluppo Economico e con la Regione Campania”.

A. Carlino
A. Carlinohttps://www.cronachedellacampania.it
Collaboratore di lunga data di Cronache della Campania Da sempre attento osservatore della società e degli eventi. Segue la cronaca nera. Ha collaborato con diverse redazioni.

La Newsletter di Cronache

Ogni giorno nella tua mail le ultime notizie

google news
spot_img

Leggi anche

Oroscopo oggi, previsioni segno per segno.Leone fortunati oggi

L'oroscopo oggi. Il segno fortunato del 2 luglio è quello del Leone Ariete Forti tensioni in famiglia specie con quella acquisita, le prese di posizione dall’alto...

Pianura, il cadavere ritrovato è di Andrea Covelli: ma la famiglia non ha voluto riconoscerlo

E' di Andrea Covellii il cadavere ritrovato nel tardo pomeriggio nelle campagne di Pianura anche se la famiglia non ha voluto riconoscerlo. Sul cadavere, in...

Ischia, senza acqua zona porto e serrara fontana per blackout

Ad Ischia un blackout sta causando problemi idrici : senza acqua la zona porto e serrara fontana. Un improvviso blackout elettrico sta provocando lo...

Napoli, negli ospedali acqua gratis ai degenti per il troppo caldo

Bottiglie d'acqua gratuite il caldo estremo

CRONACHE TV

spot_img

IN PRIMO PIANO

Pubblicita