Camorra, sconto di pena per il ras Giovanni Rega

SULLO STESSO ARGOMENTO

Camorra, sconto di pena per il ras Giovanni Rega.

Il Giudice per le Indagini Preliminari di Napoli ha accolto infatti le argomentazioni del tandem difensivo formato dagli avvocati Immacolata Romano e Giuseppe Milazzo, i quali sono riusciti magistralmente a dimostrare la sussistenza del vincolo della continuazione tra due estorsioni che il bruscianese Giovanni Rega, nipote del noto Tommaso Rega detto Chirichiello, in carcere a Poggioreale dal 2017 per questi fatti, commise in danno di Pasquale Ciappa, noto imprenditore del mondo dei videopoker.

Nonostante gli episodi si fossero consumati in due comuni diversi, uno a Brusciano per conto del clan locale dei Rega ed il secondo a Marigliano in concorso con Piezzo Cristiano, oggi collaboratore di giustizia e all’epoca vicino al clan Mazzarella di San Giovanni a Teduccio.

    Gli abili difensori si sono battuti per dimostrare che se due reati vengono commessi nell’ambito dello stesso disegno criminoso questi devono essere sanzionati con una pena che non è la somma aritmetica fra due condanne separate.

    L’accoglimento ha difatti determinato l’abbattimento della pena comminato con le due diverse sentenze da 11 anni ad 8 anni e 8 mesi, anticipando il fine pena del ras bruscianese, in un momento storico particolarmente difficile dopo i recenti arresti subìti dai familiari.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Salerno, bancarotta fraudolenta: misura cautelare per imprenditore e commercialista

    Salerno. Divieto di esercitare l'attività imprenditoriale e ricoprire cariche direttive: misura cautelare personale per due soggetti. Nel contesto di un'ordinanza applicativa di misura cautelare personale,...

    Crollo di Firenze, recuperato il corpo dell’ultimo disperso

    Nel cantiere di via Mariti a Firenze, il corpo dell'ultimo disperso è stato recuperato dai vigili del fuoco e successivamente affidato all'autorità giudiziaria per...

    Napoli, tragedia di San Giovanni a Teduccio, raccolta fondi on line per i figli rimasti orfani

    È partita una raccolta fondi organizzata da Antonio Molisso sulla piattaforma  GoFundMe per aiutare i figli della coppia di san Giovanni a Teduccio morta...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE