Il concerto ‘Gli Antichi e i Moderni’ a Le Trentatré

SULLO STESSO ARGOMENTO

Dissonanzen rende strutturale un capitolo storico della propria attività, “Gli Antichi e i Moderni”.

 

Da sabato 21 maggio h 19.30 con il concerto Gli Antichi e i Moderni, Mozart Nostro Contemporaneo (I), al Complesso monastico S. Maria in Gerusalemme, detto “Le Trentatré”, il primo di due appuntamenti del ciclo triennale sulle ultime sei Sinfonie di Mozart trascritte da Muzio Clementi per flauto, violino, violoncello, pianoforte, che verranno articolate nell’arco del triennio 2022-24, accostate a lavori di compositori viventi, Carlo Boccadoro e Alessandra Ravera.

    La versione di Clementi della Sinfonia in Do Mg. K 425 “Linz”, affida al pianoforte il ruolo di
    strumento conduttore, mentre il flauto e gli archi hanno la funzione di sintetizzare le principali sezioni dell’orchestra, mettendo così a nudo la spiazzante modernità della scrittura sinfonica mozartiana.

    “Il vento nelle grondaie” di Carlo Boccadoro, scritta per Tommaso Rossi, brano per flauto dolce tenore che rimanda a immagini malinconiche dall’andamento quasi improvvisato, da antica ballata cinquecentesca. “Life” di Alessandra Ravera, pensato in tre sezioni articolate in diversi episodi che si susseguono come una sorta di metamorfosi del flusso della vita.



    Torna alla Home

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    telegram

    LIVE NEWS

    Punta Campanella, due giornate per la tutela dei delfini

    Il 20 e il 21 maggio si è tenuto il Corso di Doplhin watching nell'ambito del progetto europeo Life Delfi. Coinvolti pescatori e altri operatori del mare. In fase di sperimentazione nuovi dissuasori realizzati con l'intelligenza artificiale. Terranno i delfini lontani dalle reti da pesca. Imparare ad avvistare i delfini...

    Campi Flegrei, nuova scossa di magnitudo 3.4 alle 8:28. Avvertita a Napoli, scuole evacuate a Procida

    Alle 8:28 di questa mattina, una scossa di terremoto di magnitudo 3.4 ha colpito i Campi Flegrei, con l'epicentro a una profondità di 4 chilometri, secondo quanto riportato dall'INGV. Numerose segnalazioni sui social hanno riferito anche di un forte odore di zolfo percepito nell'aria sin dalle prime ore del...

    CRONACA NAPOLI