Scavi di Pompei, cambia il servizio audioguide: scatta lo stato di agitazione

SULLO STESSO ARGOMENTO

La segreteria Filcams Cgil Napoli Campania e i lavoratori dei servizi di audioguida, biglietteria, bookshop e deposito bagagli degli Scavi di Pompei hanno proclamato lo stato di agitazione per rivendicare garanzie sul proprio futuro occupazionale alla luce della decisione della Direzione del Parco Archeologico di internalizzare il servizio di audioguide, a partire dal prossimo 1 luglio, che mette a rischio il posto di lavoro degli operatori in servizio da oltre venti anni.

A darne notizia e’ un comunicato diffuso dall’organizzazione di categoria. “Abbiamo inviato invano – afferma la segretaria generale della Filcams Cgil Napoli Campania, Luana Di Tuoro – diverse richieste di incontro al direttore.

Le audioguide fanno parte dell’ampio sistema dei servizi degli Scavi di Pompei che ne consentono la fruibilita’ e la straordinaria affluenza di visitatori registrati in questi giorni. Pompei e’ un’eccellenza dell’umanita’ dove la differenza la fanno proprio i servizi al visitatore.

    E invece di potenziarli, c’e’ chi pensa addirittura di tagliarli a discapito della qualita’ dell’accoglienza del sito e della professionalita’ dei lavoratori”.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Al Castello Medievale di Faicchio (BN) la fiaba più bella con la ‘Royal Family Experience’

    Esperienza immersiva "Royal Family" al Castello Medievale di Faicchio (BN) Il Castello Medievale di Faicchio ospiterà l'evento esclusivo "Royal Family Experience" il 24 e 25...

    Roccamonfina, denunciato titolare di ditta edile per reitarati smaltimenti illeciti di rifiuti speciali

    I Militari appartenenti al Nucleo Carabinieri Forestale di Roccamonfina(CE), a seguito di appositi servizi di osservazione e controllo svolti anche con l’ausilio di strumentazione...

    Arrestato a Capodichino boss latitante di Taranto: stava fuggendo in Spagna

    Giuseppe Palumbo, un boss latitante di 35 anni della città di Taranto, è stato arrestato dalle forze dell'ordine al momento in cui stava per...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE