Marisa Laurito, la ‘mia’ donna Violante così attuale

SULLO STESSO ARGOMENTO

Marisa Laurito, la ‘mia’ donna Violante così attuale. L’atrice napoletana interpreta il ruolo che fu di Pupella Maggio

Spiritosa e charmante, Marisa Laurito racconta con brio “Persone naturali e strafottenti” di Giuseppe Patroni Griffi, in cui interpreta il ruolo che fu di Pupella Maggio, accanto a Giancarlo Nicoletti, sua la regia, Giovanni Anzaldo e Livio Beshir.

La pièce, scritta 40 anni fa ma “ancora estremamente contemporanea, quasi profetica, racconta una Napoli oscura, del sottobosco, che non siamo abituati a vedere, non la città del sole e dell’allegria”, rivela all’ANSA l’attrice partenopea.



    Una commedia nera, in scena sabato 28 maggio alle 21 al Teatro Comunale di San Gavino Monreale, domenica 29 al Teatro Civico Oriana Fallaci di Ozieri e lunedi’ 30 maggio al Teatro Civico di Alghero per Cedac, per tutti inizio spettacolo alle 21.

    Marisa Laurito è donna Violante, “una donna che ha avuto una vita molto faticosa e priva d’amore, giovanissima ha iniziato a lavorare in un bordello, e questo in qualche modo l’ha segnata, e infatti dice di se: ‘sono rimasta vergine, a me gli uomini mi hanno fatto schifo da subito’, ma conserva una sua ingenuità”, racconta l’artista.

    Un’intensa carriera fra teatro, cinema e televisione, dagli esordi con Eduardo De Filippo a Quelli della notte con Renzo Arbore e Domenica in diretta da Gianni Boncompagni: conduttrice di programmi come Marisa la nuit e Pasta, Love e Fantasia, l’attrice ha recitato con Antonio Banderas in “Terre Nuove”, per cui ha vinto il Globo d’Oro e il premio come miglior attrice al Festival di Bogota’. E ha anche scritto un libro autobiografico: “Una Vita Scapricciata”.

    “Ho deciso che volevo fare l’attrice quando ero molto giovane, a nove anni – confessa Laurito – e ho avuto la fortuna di incontrare grandi maestri: da Eduardo ho imparato la disciplina e l’amore per questo lavoro, Renzo Arbore al contrario mi ha insegnato che si può fare anche divertendosi, e poi Gigi Proieho atti, Luciano De Crescenzo, Adriano Celentano. Artisti veri: da tutti loro ho imparato qualcosa”.

    L’attrice, che da anni frequenta l’Isola (“adoro la Sardegna vera, dove non va nessuno”), si sofferma sulla sua Napoli.

    “Una città – spiega – dove si respira il teatro, dove gli opposti convivono in uno stesso magma, con un’ironia sempre presente, che affiora anche nelle opere di Peppino Patroni Griffi. E in questo testo, secondo me straordinario, dove con intelligenza e grande fantasia ha saputo dar voce a un’umanità disperata, ma con tanta voglia di crescere, lottare e andare oltre”.


    Articolo offerto da Emmerre Auto - Torre del Greco
    Torna alla Home

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui


    Santa Maria a Vico, scoperta casa a luci rosse

    A Santa Maria a Vico, nel casertano, un'attività illecita è stata scoperta in un appartamento affittato da una donna che favoriva la prostituzione. La donna è stata denunciata per favoreggiamento della prostituzione dopo che i carabinieri hanno identificato un cittadino colombiano agitato in un bar locale. Durante la perquisizione nell'appartamento della...

    Di Lorenzo ammette: “Si è rotto il puzzle”

    "Quando affronti una stagione così difficile diventa complicato aggiustare un puzzle che si è rotto". Queste le parole di Giovanni Di Lorenzo, difensore e capitano del Napoli, intervenuto ai microfoni di Sky Sport dopo il pareggio interno per 2-2 contro il Frosinone. "L'impegno della squadra c'è stato, questa vittoria sarebbe stata...

    Calzona: “Ci manca la cattiveria”

    "Una squadra con la nostra qualità non può subire così tanti gol, ci è mancata cattiveria in fase di non possesso". Queste le parole di Francesco Calzona, allenatore del Napoli, intervenuto ai microfoni di Sky Sport in seguito al pareggio interno per 2-2 contro il Frosinone. "Abbiamo gestito male la partita,...

    Il Napoli si ferma ancora: pari con il Frosinone al Maradona

    Pareggio amaro per il Napoli, che non va oltre il 2-2 contro il Frosinone di Eusebio Di Francesco, perdendo ancora terreno per un piazzamento in Champions League. Alle reti di Politano e Osimhen ha risposto la doppietta di Cheddira, quasi un ex della gara considerando che il suo cartellino...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE