Covid, nuovo boom di casi in Italia: un altro mese di mascherine al chiuso

SULLO STESSO ARGOMENTO

Modalità lettura

Con tutta probabilita’, l’utilizzo delle mascherine al chiuso in determinati luoghi – dai trasporti ai cinema, dai teatri agli ospedali ai palazzetti dello sport – sara’ prorogato per almeno un altro mese.

E’ questa la direzione che dovrebbe essere confermata dal governo nelle prossime ore, mentre per quanto riguarda luoghi di lavoro, scuola, negozi e supermercati una decisione non sarebbe stata al momento definita. Si tratta di un approccio di cautela, in attesa che dal primo maggio cada anche l’obbligo di green pass, a fronte di un nuovo boom di casi Covid che oggi toccano quota 87.940.

Aumentano anche i ricoveri, per effetto delle festivita’ pasquali. Sara’ un emendamento al decreto legge del 24 marzo scorso che ha sancito la fine dello stato di emergenza ed una ordinanza ‘ponte’ del Ministro della Salute, a stabilire le nuove regole per l’uso delle mascherine al chiuso.



    Secondo il sottosegretario alla Salute Andrea Costa, si va appunto nella direzione di prorogare di un mese l’obbligo della mascherina in determinate situazioni come per i trasporti, mentre altrove bastera’ una raccomandazione.

    “Ragioniamo – ha sottolineato – per arrivare ad un’estate senza restrizioni”. Quanto al green pass, Costa ha precisato che negli ospedali si continuera’ a mantenere l’obbligo di vaccinazione fino a fine anno e, per coloro che non lo rispettano, non ci sara’ la possibilita’ di essere reintegrati sul posto di lavoro. Mentre “per tutto il resto, dal primo maggio il Green Pass non sara’ piu’ richiesto.

    E’ il vero elemento di cambiamento, il segno tangibile – ha commentato – di una fase nuova”. Un allenamento ulteriore delle misure, dunque, anche se ‘l’effetto Pasqua’ inizia a farsi sentire sul fronte ospedaliero.

    Nella settimana 19-26 aprile, emerge infatti dalla rilevazione degli ospedali sentinella della Federazione Aziende Sanitarie e Ospedaliere (Fiaso), il numero delle ospedalizzazioni e’ salito del 3,5% a differenza di una settimana fa quando c’era stata una discesa del 5,3%.

    Ad aumentare, in particolare, sono stati i ricoveri nei reparti ordinari, con un incremento del 4,8%. Sul fronte rianimazioni, invece, sempre nella stessa settimana, il numero dei pazienti e’ sceso del 20%. Si osserva anche un raddoppio del numero, sia pur ridotto, dei pazienti pediatrici.

    Sono, sottolinea Fiaso, “piccole cifre (in tutto 17 pazienti) ma per il 40% dei casi riguardanti neonati”. Si tratta, avverte il presidente Giovanni Migliore, di “un monito importante per le prossime settimane: occorre non abbassare la guardia perche’ la pandemia non e’ finita. Un piccolo sforzo che non costa nulla ai cittadini anche con le mascherine: e’ necessario continuare a indossarle al chiuso”.


    Torna alla Home

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui


    Si è spento a Roma all'età di 88 anni Italo Ormanni, magistrato di lungo corso e figura di grande spessore culturale. Noto al grande pubblico per la sua partecipazione al programma televisivo "Forum", Ormanni ha dedicato la sua vita alla lotta contro la criminalità e alla valorizzazione del patrimonio...
    Nessun '6' né '5+1' all'estrazione del Superenalotto di oggi. Centrato un '5' che vince 129.050,31 euro. Il jackpot per il prossimo concorso sale 92.800.000 euro. Questa la combinazione vincente del concorso di oggi del Superenalotto: 9, 18, 65, 70, 75, 87. Numero Jolly: 53. Numero SuperStar: 81. Queste le quote del...
    Secondo quanto emerso da un incontro in Prefettura a Bologna, serviranno circa tre mesi per svuotare l'acqua dalla centrale idroelettrica di Bargi sul lago di Suviana, situata nell'Appennino tosco-emiliano. Il prefetto Attilio Visconti ha dichiarato che, se tutto procede come previsto, lo svuotamento potrebbe avvenire entro la fine di luglio,...
    Eseguito dal prof. Giovanni Muto, medico campano, si tratta della prima cistectomia radicale in paziente mono-rene, con asportazione del tumore per via vaginale, mediante il robot Hugo A Maria Pia Hospital di Torino è stato eseguito un intervento di chirurgia robotica senza precedenti. Per la prima volta al mondo è...

    IN PRIMO PIANO