Camorra, il boss Angelo Moccia e moglie all’udienza pubblica del Papa

E’ uno degli episodi emersi dall’inchiesta che oggi ha portato alle 57 misure cautelari contro il potente clan di #camorra dei Moccia di #Afragola. L’episodio risale al 2017

camorra

Camorra: il boss Angelo Moccia, dell’omonimo clan camorristico attivo sul territorio di Afragola , ha partecipato insieme all’imprenditore Giovanni Esposito e alle rispettive mogli all’udienza generale di Papa Francesco il 22 marzo 2017 in piazza San Pietro.

La circostanza emerge dall’ordinanza del gip di Napoli emessa nell’ambito delle indagini della Dda partenopea sul clan Moccia, culminate oggi nell’esecuzione di 57 misure cautelari. In un’intercettazione riportata nell’ordinanza Domenico Caputo, ritenuto uomo di fiducia dei vertici del clan, nota una foto che ritrae Giovanni Esposito, imprenditore titolare della Kam Costruzioni ritenuto a disposizione del clan Moccia, insieme a Bergoglio.

“Effettivamente – si legge ancora nell’ordinanza – Giovanni Esposito e la moglie Rosa Aubry partecipavano a Roma all’udienza con il Papa Bergoglio in data 22 marzo 2017 congiuntamente ad Angelo Moccia e la moglie Carmela De Luca attraverso la mediazione di Mauro Esposito”. 

“…Stai proprio accanto al Papa qua?”, dice Gennaro Moccia mentre prende visione di una foto che ritrae Giovanni Esposito con il Papa Francesco, scattata in occasione della visita in Vaticano della sua famiglia. Gennaro Moccia, fratello di Angelo, viene intercettato dal Ros mentre parla con l’imprenditore Giovanni Esposito. “Guarda come mi guarda il Papa…”, risponde l’imprenditore, soddisfatto.

1 commento

I commenti sono chiusi.