Aggiornato -

18 Agosto 2022 - 15:03

Aggiornato -

giovedì 18 Agosto 2022 - 15:03
HomeCronaca GiudiziariaUccise la moglie, niente ergastolo: "solo" 26 anni di carcere

Uccise la moglie, niente ergastolo: “solo” 26 anni di carcere

#MicheleMarotta, 36 anni, imputato per l'omicidio della moglie #MariaTedesco avvenuto nel novembre del 2020 a San Felice a Cancello è stato condannato a 26 anni di carcere
google news
uccide la moglie
foto da facebook

La Corte d’Assise del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere ha condannato a 26 anni e sei mesi di carcere il 36enne Michele Marotta.

 L’uomo è accusato dell’omicidio della moglie Maria Tedesco, avvenuto nel novembre 2020 in una stradina del comune di San Felice a Cancello, nel Casertano. Nella requisitoria della scorsa settimana, il sostituto della Procura di Santa Maria Capua Vetere, Nicola Camerlingo, aveva chiesto l’ergastolo spiegando che il 26enne aveva ucciso la moglie per gelosia, a causa di una presunta relazione extraconiugale della donna, parlando inoltre di una vera e propria esecuzione.

Dalle indagini e dal processo e’ emerso che l’uomo, l’11 novembre 2020, usci’ di mattina con sua moglie, allora 30enne, per andare a ritirare il certificato di avvenuta guarigione dal Covid, quindi torno’ un attimo a casa per prendere la pistola, usci’ di nuovo e condusse Maria in una strada sterrata di San Felice a Cancello (frazione Cancello Scalo) dove le scarico’ contro sei colpi da distanza ravvicinata con la sua pistola Magnum 357 regolarmente detenuta per uso da caccia; fu catturato poco dopo nella villetta di famiglia.

Una tragedia che scosse la comunita’ del comune casertano anche perche’ dalla coppia era nato un figlio che al momento della tragedia aveva sei anni (e’ stato affidato ai nonni), e inoltre dall’esterno Michele e Maria sembravano coniugi affiatati.

Per il pubblico ministero si sarebbe trattato di un omicidio premeditato, di “un’esecuzione” vera e propria, che avrebbe rappresentato l’ultimo atto, il piu’ grave ovviamente, di una serie di maltrattamenti cui l’imbianchino aveva sottoposto la moglie perche’ geloso.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Uccise la moglie per gelosia, il pm: “Fu esecuzione, ergastolo”

Durante la requisitoria il pm lesse anche una serie di whatsapp scritti dalla ragazza da cui emerse il clima di violenza che la 30enne era costretta a subire, tra minacce e schiaffoni in pieno volto.

Gustavo Gentile
Gustavo Gentilehttps://www.cronachedellacampania.it
Esperto in diritto Diplomatico e Internazionale. Lavora da oltre 30 anni nel mondo dell’editoria e della comunicazione. E' stato rappresentante degli editori locali in F.I.E.G., Amministratore di Canale 10 e Direttore Generale della Società Centro Stampa s.r.l. Attento conoscitore della realtà Casertana.

La Newsletter di Cronache

Ogni giorno nella tua mail le ultime notizie

google news

Leggi anche

Avellino, solo ‘codici rossi’ al Pronto soccorso del Moscati

Avellino. Stop alle ambulanze del 118 che non hanno pazienti in codice rosso. La decisione e' stata assunta dal direttore sanitario del "Moscati" di...

Cardito, stesa nella notte nelle case popolari

Cardito. Questa notte, intorno alle 2, i carabinieri della stazione di Crispano sono intervenuti presso il complesso popolare IACP in via Kennedy a Cardito,...

Vico Equense, ruba un’auto ed un cellulare: arrestato 55enne di Napoli

Vico Equense. Ieri gli agenti del Commissariato di Sorrento, durante un servizio di controllo del territorio, in piazza Umberto I a Vico Equense sono...

Controlli straordinari della Polizia di Stato nelle principali stazioni ferroviaria

1.640 persone identificate (di cui 187 con pregiudizi di polizia e 170 stranieri); 1 persona denunciata a piede libero per violazione a provvedimenti di polizia...
spot_img

IN PRIMO PIANO

Pubblicita