A Trecase nasce il giardino della flora vesuviana

SULLO STESSO ARGOMENTO

Il giardino pubblico di via Regina Margherita comincia a cambiare aspetto e diventa sempre più il giardino della flora vesuviana. Continuano, infatti, le attività del progetto “Giovani del Vesuvio” che punta ad arricchire la zona vicino all’area di sosta trecasese con colori e profumi tipici del Vesuvio.

L’azione, che ha visto i volontari impegnati sabato scorso con la messa a dimora di arbusti tipici del Vesuvio (tra cui ginestre, corbezzoli e allori) è stato realizzato in collaborazione con l’Associazione Primaurora.

Quello di sabato 19 febbraio ha inaugurato una serie di cinque appuntamenti. I prossimi incontri laboratoriali, gratuiti ed aperti a tutti, saranno il 5 ed il 19 marzo, il 2 ed il 16 aprile. Gli interessati sono invitati a compilare un form online disponibile su http://www.unec.tv/GDV per essere aggiornati sulle prossime attività o a seguire l’account Facebook del progetto facebook.com/giovanidelvesuvio.

    L’iniziativa, promossa nell’ambito del progetto Giovani del Vesuvio, si concentra sulla valorizzazione e rigenerazione di un’area di verde pubblico messa a disposizione dal Comune di Trecase, e vede l’attivazione di un ampio partenariato locale, tra cui la capofila associazione UNEC – Unione Nazionale Enti Culturali, l’associazione di promozione sociale Free Spirits on Tour, la Parrocchia di Sant’Antonio di Padova di Trecase e l’agenzia per il lavoro Mestieri Campania.

    La finalità del progetto “Giovani del Vesuvio” è quella di riqualificare un’area di verde pubblico nel Comune di Trecase per trasformarla in uno spazio collettivo di bellezza, aggregazione dei cittadini e protagonismo giovanile.

    È nato per dare il via ad un nuovo punto di aggregazione e attivazione dei giovani del territorio, in risposta all’avviso “Giovani per la valorizzazione dei beni pubblici 2018”, co-finanziato dal Dipartimento per le Politiche Giovanili e il Servizio Civile Universale – Presidenza del Consiglio dei Ministri, nell’ambito del Piano Azione e Coesione.






    LEGGI ANCHE

    Crollo di Firenze, recuperato il corpo dell’ultimo disperso

    Nel cantiere di via Mariti a Firenze, il corpo dell'ultimo disperso è stato recuperato dai vigili del fuoco e successivamente affidato all'autorità giudiziaria per...

    Clan Vanella Grassi: morto in carcere il boss Vincenzo Esposito, detto ‘o Porsche

    Vincenzo Esposito, noto come ‘o Porsche, boss della Vanella Grassi, è morto in carcere a Parma, dove era detenuto da tempo. Secondo fonti investigative,...

    Napoli, arrestato il complice del rapinatore che ferì l’ingegnere

    Napoli. E' stato arrestato anche il secondo rapinatore che la sera del 29 marzo 2023 partecipò al tentato omicidio di un ingegnere che stava...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE