Minorenne violentata da compagni di classe: arrestato 15enne

SULLO STESSO ARGOMENTO

Modalità lettura

Minorenne violentata da compagni di classe: arrestato 15enne e indagati altri due minorenni che avrebbero avuto rapporti con la ragazza

Un 15enne di Reggio Emilia è stato arrestato dai carabinieri con l’accusa di violenza sessuale nei confronti di una coetanea. Indagati anche altri due minorenni che, secondo la Procura, avrebbero avuto rapporti con la ragazza. A riportare la notizia è la stampa locale.

Il gup del tribunale dei minori di Bologna, dopo aver convalidato il fermo del ragazzo incensurato, ha accolto la richiesta dei domiciliari avanzata dall’avvocato difensore Giacomo Fornaciari. I fatti sarebbero accaduti dopo un festino a base di bevande alcoliche dopo uno sciopero a scuola venerdì mattina quando in seguito a uno sciopero a scuola, cinque compagni di classe – tre ragazzi e due ragazze – decidono di comprare bevande alcoliche e andare nell’appartamento dei genitori di uno di loro (dell’arrestato) per dare vita ad una sorta di festino.



    Una delle ragazze (la quale verrà interrogata nelle prossime ore) nel primo pomeriggio torna a casa mentre l’altra resta da sola coi tre adolescenti che avrebbero abusato di lei ubriaca. La ragazza sotto choc intorno alle 15, ha chiamato la sorella per dare l’allarme ai carabinieri e denunciare quanto subito. Uno dei tre ragazzi deve ancora essere identificato e ascoltato dagli inquirenti. Un altro, uno degli indagati, invece ha reso dichiarazioni spontanee in caserma, ammettendo di aver avuto un rapporto con la ragazza.

    Mentre l’arrestato sostiene – stando a quanto spiega all’ANSA, l’avvocato Fornaciari – “che il rapporto fosse stato consenziente”. Secondo la pm Alessandra Serra della Procura dei Minori però la violenza sessuale è aggravata “dalle condizioni di inferiorità psichica e fisica, avendo la medesima pesantemente abusato di sostanze alcoliche quali vino e vodka alla pesca, in tali quantità da compromettere la capacità di esprimere un valido consenso”, come si legge nella richiesta di misura cautelare.

    Gli esami tossicologici ai quali è stata sottoposta la ragazza otto ore dopo i fatti hanno confermato “una percentuale di etanolo presente nel plasma pari a 96 mg/dl, un considerevole stato di ebbrezza alcolica”.

    Al vaglio infine alcune chat – alcune cancellate, ma in corso di ripristino da parte dei tecnici – nei telefonini degli indagati. L’arresto del 15enne è scattato anche in virtù del fatto che all’arrivo dei carabinieri nell’appartamento dove si sarebbero consumati i presunti abusi, lui fosse già scappato lasciando la porta aperta. Il giudice ha ravvisato il pericolo di fuga e ha disposto il provvedimento.


    Torna alla Home

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui


    Prosegue lo sciopero della fame di Gianni Fabbris, Adriano Noviello e Sebastiano Lombardo, allevatori di bufale che da quattro giorni protestano davanti al Ministero della Salute a Roma. Oggi, 50 pacchi di mozzarelle di bufala, donate da quattro caseifici artigianali casertani, sono stati inviati a rappresentanti di Governo, Parlamento e...
    Joao Cancelo, difensore del Barcellona, ha denunciato una serie di insulti e minacce ricevute dopo l'errore che ha contribuito alla sconfitta contro il PSG e all'eliminazione ai quarti di finale di Champions League. L'episodio si è verificato quando il portoghese ha commesso un fallo da rigore su Dembele, permettendo...
    Il Terebinto Edizioni è lieto di annunciare l'undicesima puntata del Caffè Letterario. Riscontri d'Autore, la rassegna avellinese che si è affermata tra i più prestigiosi incontri culturali della provincia irpina, offre uno spazio di dialogo e confronto tra autori e appassionati di letteratura, storia e filosofia. Il prossimo appuntamento si terrà...
    La Commissione parlamentare Antimafia ha richiesto alla Procura di Avellino, guidata da Domenico Airoma, gli atti dell'inchiesta che ha portato all'arresto del sindaco dimissionario Gianluca Festa, dell'ex dirigente comunale Filomena Smiraglia e dell'architetto Fabio Guerriero. Festa è accusato di una serie di gravi reati, tra cui corruzione, concorsi truccati, irregolarità...

    IN PRIMO PIANO