Napoli, confessione choc della donna che ha ucciso la madre del salumiere tiktoker

Stefania Russolillo, accusata dell'omicidio della 72enne Rosa Gigante, madre...

Benevento, camionista ucciso da un conoscente a Forchia: preso l’assassino

SULLO STESSO ARGOMENTO

Camionista ucciso: i Carabinieri di Santa Maria a Vico hanno eseguito un’ordinanza di custodia agli arresti domiciliari, emessa dal gip di Benevento su richiesta della Procura sannita, nei confronti di Carmine Mauro di 35 anni di San Felice a Cancello gravemente indiziato di omicidio preterintenzionale.

PUBBLICITA

Si tratta di una violenta aggressione avvenuta nella notte tra il 6 e il 7 novembre 2021 in un distributore a Forchia, in provincia di Benevento. Vittima dell’aggressione, il camionista Giovanni Maione, 44enne di Santa Maria a Vico, che la mattina del 7 novembre 2021 alle 4 si è ritirato nella sua abitazione con segni visibili di percosse e ha confidato alla moglie di avere avuto un litigio con una persona di sua conoscenza.

Nelle giornate successive le sue condizioni sono drasticamente peggiorate e si è reso necessario il ricovero d’urgenza. Il 22 novembre è stato ricoverato nell’ospedale Sant’Anna e San Sebastiano di Caserta, dove è deceduto il 15 dicembre. La polizia giudiziaria è venuta a conoscenza dell’episodio solo il 23 novembre all’atto del ricovero della vittima nell’ospedale casertano, in terapia intensiva, per un ematoma subdurale trattato chirurgicamente, con prognosi riservata.

All’atto dell’accesso al pronto soccorso i familiari della vittima hanno riferito di un’aggressione da parte di una persona nota, avvenuta circa due settimane prima. Le indagini coordinate dalla Procura di Benevento hanno consentito di ricostruire i fatti e di acquisire gravi indizi di colpevolezza nei confronti dell’uomo indagato, che è risultato aver aggredito violentemente la vittima utilizzando anche una mazza in ferro.

Pertanto, inquadrato il fatto storico nell’ipotesi di reato dell’omicidio preterintenzionale, ricorrendo altresì i futili motivi dell’aggressione nonché la minorata difesa, avendo il prevenuto approfittato delle favorevoli circostanze di tempo, di luogo e di persona, la Procura, all’esito delle indagini espletate, ritenendo la gravità indiziaria e le esigenze cautelari, richiedeva l’applicazione della misura cautelare, concessa dal GIP ed eseguita dalla P.G. operante.


LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

googlenews
facebook


I FATTI DEL GIORNO

ULTIME NOTIZIE

TI POTREBBE INTERESSARE