Appalti ferroviari e camorra, 15 arresti: 2 sono casertani, un terzo indagato

I Nuclei di polizia economico finanziaria della Guardia di Finanza di Milano e Varese hanno eseguito 15 arresti in un’inchiesta del pm della Dda milanese Bruna Albertini su presunte infiltrazioni della ‘ndrangheta nei subappalti per lavori sulla rete ferroviaria

google news
appalti ferroviari e camorra
foto da guardia di finanza

I Nuclei di polizia economico finanziaria della Guardia di Finanza di Milano e Varese hanno eseguito 15 arresti (sui 35 richiesti dalla Dda) in un’inchiesta del pm della Dda milanese Bruna Albertini su presunte infiltrazioni della ‘ndrangheta nei subappalti per lavori sulla rete ferroviaria (Rfi è parte offesa).

In particolare, l’inchiesta lombarda riguarda anche il Veneto per i lavori di manutenzione della rete ferroviaria finiti al centro delle indagini, condotte dal Gico (Gruppo investigazione criminalità organizzata): le indagini riguardano diverse regioni e in prevalenza Lombardia, Veneto appunto, Abruzzo, Lazio, Campania, Calabria e Sicilia.

L’operazione delle fiamme gialle ha portato il gip Giuseppina Barbara del Tribunale di Milano ad ordinare l’arresto di 15 persone (11 in carcere e 4 ai domiciliari). Per altre 19 coinvolte nell’inchiesta, invece, nonostante le istanze della Procura, non sono state disposte misure e restano indagate a piede libero: tra loro ci sono tre businessman legati alla Campania.

Si tratta di Rosario Morelli, 77enne (in realtà residente a Campobasso), rappresentante legale dell’Armafer, destinataria diretta delle commesse di Rfi, e dei fratelli Oscar Esposito, ingegnere 67enne, residente a Caserta, vicepresidente e direttore della produzione della Globalfer, e Salvatore Esposito, avvocato 69enne, che vive a San Felice a Cancello, rappresentante legale del Consorzio Armatori Ferroviari Scpa (che ha il 37,5 percento della Globalfer).

Stando alla tesi della Procura distrettuale di Milano, hanno fatto parte dell’ipotizzata associazione a delinquere che, facendo incetta di appalti da Rfi e cedendoli, in parte, ad altre società, avrebbe favorito gli interessi della ‘ndrangheta nella sua articolazione di Nicoscia, vicina agli Arena di Isola Capo Rizzuto (entrambe le formazioni sono alleate della cosca Grande Aracri).

LEGGI ANCHE  Contagio covid in Campania sempre oltre la media nazionale

Ad animare la cricca di imprese, ritengono le fiamme gialle, ci sarebbero state proprio l’Armafer di Morelli e la Globalfer degli Esposito, oltre la G.C.F. Costruzioni Generali, la Gefer e l’Euroferroviaria. Queste società, dando fede alla ricostruzione dell’Antimafia, si sarebbero illegalmente spartiti i lavori di armamento e manutenzione dei binari.

Nella presunta associazione, dicono gli inquirenti, Morelli era delegato a seguire gli affari in Campania e gli Esposito, con radici nella Valle di Suessola, ad occuparsi di varie zone del Sud, tra cui sempre la Campania e la Sicilia. La rete di imprese, afferma la Dda, è riuscita ad aggiudicarsi le commesse di Rfi attraverso la realizzazione “di una serie indeterminata di reati di natura fiscale (emissione di fatture per operazioni inesistenti, compensazioni di debiti erariali e contributi previdenziali con falsi crediti Iva, bancarotte, riciclaggio, intestazione fittizia di beni, corruzione tra privati e somministrazione fraudolenta del lavoro)”.

Tra le persone finite sotto inchiesta c’è anche un terzo casertano: si tratta di Domenico Iannelli. La Dda gli contesta il reato di furto in concorso con altre 7 persone: avrebbero organizzato dei raid sui cantieri per appropriarsi di macchinari e attrezzature appartenenti a società per le quali a vario titolo effettuavano i lavori. Gli Esposito e Iannelli, nonostante l’indagine, sono da considerare innocenti fino a prova contraria.

google news

La Newsletter di Cronache

Ogni giorno nella tua mail le ultime notizie

Leggi anche

Caserta, incidente sulla Statale: un morto

Auto schiacciata da 2 tir in provincia di Caserta lungo a strada statale Nola-Villa Literno: un morto

In libreria la guida del Gambero Rosso ‘Street Food 2023’

Mappa nazionale aggiornata del cibo di strada con oltre 450 indirizzi

Trentola, esplosione dei solventi e poi l’incendio in un seminterrato: ferito un 55enne

Trentola Ducenta. Ieri in via Pietro Nenni a Trentola Ducenta, un forte boato ha scosso l’intero quartiere, fumo e fiamme hanno destato la preoccupazione...

Maltempo, scuole chiuse a Caserta domani

La decisione del sindaco di Caserta a causa del maltempo che ha colpito tutta la Campania

IN PRIMO PIANO

Pubblicita