stefano demicheli
Foto dal web _ Stefano Demicheli


Stefano Demicheli dirige “Napoletani prima … o poi”. Musiche del ‘600 e ‘700, domenica 19 a

“Napoletani prima … o poi”, in prima assoluta domenica 19 dicembre (alle ore 19), nella sede di Gallerie d’Italia a è la nuova produzione della Fondazione Pietà de’ Turchini che conclude così la prima parte della sua stagione musicale.

In scena l’ensemble Talenti Vulcanici, recentemente insignito del Premio Abbiati, con i solisti Monika Toth e Catherine Jones diretti dal maestro Stefano Demicheli in “un concerto – sottolinea Demicheli – dedicato ai “virtuosi” che, tra il ‘600 e’700, legano la propria formazione e la propria attivita’ musicale alla capitale meridionale”.

Un progetto tutto strumentale, realizzato con la consulenza del musicologo Paologiovanni Maione, che ha come tema la produzione musicale di autori attivi nella Cappella Reale di Napoli, da Antonio Porpora ad Angelo Ragazzi , Francesco Paolo Supriani, Antonio Valente fino alle composizioni del veneziano Domenico Gallo, autore di alcune delle sonate utilizzate nel “Pulcinella”di Stravinskij.

“Il ritorno della Pietàde’ Turchini nel magnifico salone monumentale di Palazzo Zevallos – sottolinea Federica Castaldo presidente della Fondazione – conclude una lunga stagione di attivita’ e progetti musicali che abbiamo inaugurato e contribuito nel tempo ad animare con produzioni rimaste memorabili come “La Jole” di Porpora o “L’Erminia” di Scarlatti, per citarne solo alcune”.