‘Due vedovi allegri’ al Teatro Augusteo

SULLO STESSO ARGOMENTO

Due vedovi allegri” lo spettacolo con Carlo Buccirosso e Biagio Izzo, per la prima volta insieme a teatro, da giovedì 23 dicembre a domenica 16 gennaio 2022 al Teatro Augusteo di Napoli.

Prodotto da A.G. Spettacoli ed Ente Teatro Cronaca Vesuvioteatro, è scritto e diretto da Carlo Buccirosso; interpretato da Carlo Buccirosso e Biagio Izzo, con Gino Monteleone, Elvira Zingone, Donatella De Felice, Floriana Monici e Roberto Giordano.

Le scene sono di Gilda Cerullo e Renato Lori. Costumi di Zaira de Vincentiis. Musiche di Cosimo Lombardi. Disegno luci di Francesco Adinolfi.



    In una collocazione appena futuristica, tre anni dopo la fine della pandemia, Cosimo Cannavacciuolo, vedovo ipocondriaco affetto da ansie e paure, costantemente in ricerca di affetti e certezze in una vita che sembra riservargli null’altro che sospetti di congiure e preoccupazioni di malattie, persa la sua amata moglie a causa di un virus si ritrova a combattere la solitudine e gli stenti dovuti al fallimento della propria attività di antiquariato, che lo ha costretto a riempirsi casa della merce invenduta e a dover lottare contro l’ombra incombente della banca concessionaria del mutuo, che a causa dei mancati pagamenti minaccia l’esproprio del suo appartamento.

    La vita di Cosimo sarebbe più vuota e monotona senza la costante allegra presenza di Salvatore, vedovo, bizzarro custode del palazzo, che non ha mai manifestato eccessive simpatie nei confronti del povero Cannavacciuolo, inquilino del terzo piano, dove la sua giovane figliola Angelina, votata al matrimonio e alla navigazione su internet, dedica gran parte della giornata lavorativa pulendo gli appartamenti adiacenti quello di Cosimo, quello dell’orefice Tomacelli e della consorte Pupetta, vent’anni più giovane di lui.

    Ed è anche per fronteggiare le difficoltà economiche del momento che Cosimo ha concesso l’uso di una camera dell’appartamento a Virginia, quarantenne attrice di cinema e teatro, conosciuta per caso al supermercato, che porta una ventata di spensieratezza nel marasma generale di una casa allo sbando, che a detta di Angelina appare come un museo archeologico. Ma la vera angoscia di Cosimo, oltre l’ingombrante presenza di Salvatore, è rappresentata dai suoi vicini di casa: i coniugi Tomacelli, depositari di un drammatico segreto che da mesi contribuisce a rendere ancora più complessa la sua strenua lotta per la sopravvivenza.

    Riuscirà l’inquilino del quarto piano, lo scaltro dottor De Angelis, con la sua conoscenza in materia, a fare chiarezza nella tresca innescata da Cosimo e Salvatore, pur di fronteggiare le pressanti richieste dei coniugi Tomacelli? Sarà producente la fantasia e la stravaganza di Angelina per sopperire alle intemperanze dei due vedovi? O sarà necessario e determinante l’istrionismo della misteriosa Virginia? Chi può dirlo, signore e signori. Quando si chiuderà il sipario lo saprete.


    Torna alla Home


    Aggressione sulla Domitiana: tre giovani si autodenunciano

    Tre giovani coinvolti nella violenta aggressione avvenuta sulla Domitiana, e diventati famosi loro malgrado perché il filmato è diventato virale sul web, hanno deciso di presentarsi spontaneamente alla Polizia Stradale di Fuorigrotta. Accompagnati dai loro avvocati, i tre ragazzi hanno deciso di spiegare le motivazioni dell'aggressione. Pur ammettendo di aver...

    La nave della legalità “Marenostrum Dike” salpa per la prima volta verso Amalfi

    Un'imbarcazione carica di simbolismo e speranza ha solcato oggi le acque della Costiera Amalfitana. Si tratta della "Marenostrum Dike", motovela della legalità confiscata alla criminalità e donata all'Archeoclub d'Italia. La Marenostrum Dike, originariamente un'Oceanis 473 clipper utilizzata dagli scafisti per traffici illegali, è stata sequestrata dalla Guardia di Finanza con...

    Giusy Valda intercettata al telefono parla del fratello Francesco Pio: “Ma poi dico io stronzo! Ma per un paio di scarpe?”

    LKa sorella del giovane assassino dell'innocente pizzaiolo Francesco Pio Maimone, senza sapere di essere intercettata, fornisce delle conferme sulla sparatoria di Mergellina

    Processo violenze in carcere, un testo: “Mi picchiavano e mi chiamavano scimmia”

    Proseguono le testimonianze al maxi-processo in corso a Santa Maria Capua Vetere per le violenze avvenute nel carcere il 6 aprile 2020. Le vittime, quasi 200 detenuti all'epoca dei fatti, raccontano in aula le umiliazioni e i pestaggi subiti dagli agenti della Polizia Penitenziaria. 105 imputati tra agenti, funzionari del...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE