Napoli i controlli nelle zone tipiche della movida: identificate 55 persone e la validità di oltre 300 green pass in tutta la zona del Vomero






Napoli. Controlli nella “movida” al Vomero: sanzioni, diffide e prescrizioni in materia alimentare

Nell’ambito dei servizi predisposti dalla Questura di nelle aree della “movida”, ieri sera gli agenti del Commissariato Vomero, i militari dell’Arma dei Carabinieri e del NAS (Nucleo anti sofisticazione), i finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza e gli agenti della Polizia Locale, con il supporto dei Nibbio dell’Ufficio Prevenzione Generale, del Reparto Mobile e di personale dell’Asl 1, hanno effettuato un servizio straordinario di controllo del territorio nel quartiere Vomero in particolare nelle zone della “movida” in via Scarlatti, via Luca Giordano, via Aniello Falcone, via Paisiello, via Rossini e piazza Vanvitelli.

Nel corso dell’attività sono state identificate 55 persone nonché controllate 19 autovetture, 14 esercizi commerciali e 307 .
Gli operatori in via Merliani hanno sanzionato il titolare di un bar poiché aveva installato casse acustiche filodiffuse non autorizzate mentre, all’interno di una paninoteca in via Alvino, hanno sanzionato un avventore poiché sprovvisto della certificazione verde  ().

Ancora, in piazza Immacolata hanno sanzionato il titolare di un altro bar per mancata tracciabilità alimentare e per carenze igienico-sanitarie, e sequestrato 18 kg di prodotti dolciari; inoltre, personale dell’ASL, in un ristorante di via Bernini, ha sequestrato 57 kg tra carne e pesce e 40 kg di riso.

Infine, ad alcuni dei locali controllati sono state imposte 63 prescrizioni e irrogate 3 diffide di carattere igienico-sanitario elevando per un totale di 12500 euro.


Casalnuovo, offende carabinieri su Tik Tok poi va in caserma per obbligo firma: denunciato

Notizia precedente

Ritiro spirituale con il covid: positivi vescovo e prete

Notizia Successiva



Ti potrebbe interessare..