Codici: doveroso fare chiarezza sulla morte del 68enne ricoverato all’ospedale di Caserta

SULLO STESSO ARGOMENTO

L’associazione Codici ha presentato un esposto alla Procura della Repubblica per fare luce sulla morte del 68enne ricoverato all’ospedale di Caserta per un’ulcera

Un esposto per fare chiarezza su una vicenda con troppe ombre. Lo ha presentato l’associazione Codici alla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere in merito al decesso di un uomo di 68 anni presso l’ospedale di Caserta. Il pazienta era in attesa di essere trasferito in reparto dal Pronto Soccorso, dove era stato trasportato dal nosocomio di Sessa Aurunca. Dalla prima diagnosi sarebbe emersa un’ulcera, che potrebbe essere la causa del decesso.

“Ci sono tante domande a cui bisogna dare una risposta – afferma Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale di Codici – ed è per questo che abbiamo deciso di presentare un esposto alla Procura. Da anni siamo impegnati a fare luce su casi sospetti di malasanità e questo sembra uno di quelli. C’è un’attesa durata ore al Pronto Soccorso per la visita da parte di uno specialista e ci sarebbero i riscontri dei primi accertamenti eseguiti da cui emergerebbe che a causare il decesso del paziente sia stata la continua emorragia allo stomaco dovuta all’ulcera. Confidiamo nell’operato della magistratura affinché venga chiarito l’accaduto, certamente sarebbe gravissimo se venisse confermata la morte per una negligenza del genere. Il trasferimento dall’ospedale di Sessa Aurunca sarebbe stato disposto perché i medici avrebbero capito che era in atto un’emorragia allo stomaco, ma la struttura non aveva le attrezzature necessarie e quindi il paziente è stato accompagnato al nosocomio di Caserta, dove invece di essere operato con urgenza è stato lasciato in attesa al Pronto Soccorso”






LEGGI ANCHE

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE