In memoria di e di tutte le vittime di femminicido sarà inaugurata, il 26 Novembre, presso la struttura del Convento degli Angeli, alle ore 18,00 a Telese Terme (BN), una panchina rossa, simbolo di rifugio e ricordi.

La manifestazione va ad inserirsi nell’ambito della rassegna “Con-Testi”, promossa dal gruppo Fratres, presidente Giuseppe Porto, dal gruppo Azione Cattolica, presidente Maria Ferrara, dai Borghi della lettura, referente Antonio Alterio e dalla casa editrice 2000diciassette, presidente Maria Pia Selvaggio, con il patrocinio del Comune di Telese Terme, Sindaco Giovanni Caporaso.

ADS

La rassegna, che ha sensibilizzato, mediante cinque incontri già avvenuti, tematiche inerenti alle “fragilità” fisiche ed emotive, si concentrerà, venerdì 26 novembre, sulle cifre assurde dei femminicidi avvenuti negli ultimi anni e sui crescenti episodi di violenza, che coinvolgono sempre più spesso anche i minori.

LEGGI ANCHE  Oroscopo oggi la giornata segno per segno

Al tavolo di dibattito personalità che lottano in per ariginare la violenza e dare conforto alle fragilità che ne conseguono, in un confronto sulle cause e le ragioni di atti così efferati, perpetrati a danno del genere femminile. Nel corso della serata avremo modo di ascoltare le testimonianze dei familiari di Maria Tino, già ospiti sulle maggiori reti televisive.

La serata prenderà l’avvio con i saluti istituzioni del Sindaco di Telese Terme: Giovanni Caporaso; Assessora alle Pari Opportunità del Comune di telese Terme: Filomena Di Mezza; Presidente ProLoco Telese: Filippo Sardisco; Presidente Ass.Fratres: Giuseppe Porto.

La serata sarà moderata dal giornalista: Marzio Di Mezza.



Ho lavorato per oltre 15 anni nel mondo del teatro e dello spettacolo in generale e ho avuto esperienze molto lunghe in qualità di amministratrice e coordinatrice di compagnia in spettacoli complessi, con numerosi attori e personale. Ho curato, sempre nell’ambito delle compagnie teatrali e anche nell’ambito più generale dell’organizzazione di eventi, sia i rapporti con Enti e soggetti terzi sia quelli con la stampa e il mondo dei mass media, avendo gestito più volte in piena autonomia l’ufficio stampa in occasione di spettacoli, rassegne, mostre ed eventi

Libri. Raffaele Viviani, dalla vita alla scene

Notizia precedente

Codici: doveroso fare chiarezza sulla morte del 68enne ricoverato all’ospedale di Caserta

Notizia Successiva

Ti potrebbe interessare..