Giuseppe Setola



Trent’anni di sono stati richiesti dalla Dda di nei confronti di Giuseppe Setola, capo dell’ala stragista del clan dei Casalesi.

Setola (difeso da Paolo Di Furia) è accusato dell’omicidio di Luigi Mosvaldo Caterino, avvenuto nel febbraio 1999 a Castel Volturno nell’ambito della sanguinosa faida che ha visto contrapporsi tra la fine degli anni novanta e primi anni del duemila i gruppi Bidognetti e Cantiello.

ADS

Il pm anticamorra, nel corso della requisitoria del processo che si sta svolgendo con rito abbreviato davanti al Gup di Napoli, ha chiesto una pena di 30 anni anche per gli altri coimputati Mario e Francesco Cavaliere, Giovanni Russo, Giuseppe Dell’Aversano ed Alessandro Cirillo, mentre tredici anni sono stati invocati per il collaboratore di giustizia Domenico Bidognetti (due secoli chiesti in totale).

LEGGI ANCHE  Piazza del Plebiscito, ridotto il perimetro del cantiere della Linea metro 6

La Procura ha poi chiesto l’assoluzione per il 53enne Giovanni Simonelli, unico imputato a piede libero. Secondo la Dda, Setola, Bidognetti e Dell’Aversano sarebbero stati i mandanti dell’omicidio che sarebbe stato eseguito dai due Cavaliere. Russo e Simonelli, invece, avrebbero avuto il ruolo, durante l’aggiunta, di specchiettisti. La prossima udienza é prevista per gennaio, quando dovranno discutere le difese.

@RIPRODUZIONE RISERVATA



Siamo la redazione di Cronache della Campania. Sembra un account astratto ma possiamo assicurarvi che è sempre un umano a scrivere questi articoli, anzi più di uno ed è per questo usiamo questo account. Per conoscere la nostra Redazione visita la pagina "Redazione" sopra nel menù, o in fondo..Buona lettura!

Napoli, rapinarono un corriere a Battipaglia: arrestati in due

Notizia precedente

Arzano, grave il nipote del boss ferito nella sparatoria

Notizia Successiva

Ti potrebbe interessare..