‘Premio Andrea Parodi’: le finali del contest di world music

SULLO STESSO ARGOMENTO

Si avvicinano le date delle finali del Premio Andrea Parodi, il principale contest europeo di world music, previste per il 12 e 13 novembre al Teatro Si’ e Boi di Selargius (Cagliari).

Ospite d’eccezione della serata finale sarà la cagliaritana Anna Tifu, violinista fra le più apprezzate a livello internazionale della musica classica di oggi. L’artista italo-rumena riceverà il Premio Albo d’oro, assegnato a personalità che abbiano contribuito a diffondere e promuovere la Sardegna nel mondo. Ad accompagnarla, il pianista Romeo Scaccia.

Sempre in veste di ospiti saliranno sul palco anche i vincitori delle ultime due edizioni del Premio. Venerdì 12 toccherà ai trionfatori del 2019, i Fanfara Station, trio composto da Marzouk Mejri, cantautore e polistrumentista tunisino, Charles Ferris, trombettista statunitense, e Marco Dalmasso aka Ghiaccioli e Branzini, dj e producer torinese. Sabato 13 toccherà a Still Life, duo siculo / portoghese con sede a Barcellona, formato dalla cantante Margherita Abita e dal violinista João Silva, che si è aggiudicato l’ultima edizione.

    Otto saranno i finalisti di quest’anno, che, come spesso accade al Parodi, offriranno diversi modi di intendere e proporre quella che viene comunemente chiamata world music. Sono Ayom (da Toscana / Brasile / Angola / Portogallo), Francesco Forni (Campania / Lazio), Matteo Leone (Sardegna), Elliott Morris (Regno Unito), Sorah Rionda (Cuba / Veneto), Siké (Sicilia), Terrasonora (Campania), Yarákä (Puglia).

    A presentare le due serate, che si avvalgono della direzione artistica di Elena Ledda, saranno Gianmaurizio Foderaro e Ottavio Nieddu. Principale e prestigioso media partner dell’evento è Rai Radio1.

    I finalisti si esibiranno davanti a una Giuria Tecnica (formata da addetti ai lavori, autori, musicisti, poeti, scrittori e cantautori) che assegnerà il vincitore assoluto, e una Giuria Critica (giornalisti e critici musicali), che assegnerà il Premio della Critica. Entrambe le giurie saranno composte da autorevoli esponenti del settore.

    Il vincitore assoluto avrà diritto ad una borsa di studio di € 2.500, oltre alla possibilità di esibirsi in alcuni festival partner del Parodi, come European Jazz Expo (Sardegna), Folkest (Friuli), senza dimenticare lo stesso Premio Andrea Parodi 2022.

    Il vincitore del Premio della Critica avrà invece la possibilità di realizzare un videoclip professionale del brano in concorso, prodotto dalla Fondazione Andrea Parodi. Inoltre, alcuni dei festival partner (come Mare e Miniere) sceglieranno i propri ospiti tra i finalisti.

    Il Premio Andrea Parodi nasce per rendere omaggio al grande Andrea Parodi, importante artista sardo di world music scomparso 15 anni fa. È realizzato dall’omonima Fondazione.

     

     



    Torna alla Home

    telegram

    LIVE NEWS

    De Luca lancia l’allarme: “A rischio i fondi per il Policlinico di Caserta”

    "La Regione ha destinato 55 milioni di euro per il completamento del Policlinico Universitario di Caserta, ma quei soldi sono a rischio". A lanciare l'allarme è il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, durante un incontro a Caserta. De Luca ha spiegato che i fondi sono inclusi nel...

    Fassone sicuro: “Farei carte false per avere Gasperini al Napoli”

    Marco Fassone, dirigente di lungo corso, è intervenuto nel corso della trasmissione "Si Gonfia la Rete" condotta da Raffaele Auriemma su Radio Crc, offrendo una visione interessante sulla gestione del Napoli e sul presidente Aurelio De Laurentiis: "L'idea di un Napoli senza dirigenti? Dire che si prendono decisioni con...

    CRONACA NAPOLI